La De' Longhi conquista la prima vittoria in Serie A: Oriora Pistoia battuta 87-72

Buona prestazione dei ragazzi di Menetti che conducono dall'inizio alla fine e contengono il tentativo di rimonta degli ospiti sul finire del terzo quarto. Logan mattatore del match con 3 triple nell'ultimo periodo

Analizzando in conferenza stampa la bruciante sconfitta in volata a Cremona, Menetti aveva chiesto metaforicamente di entrare in campo muniti di elmetto, con la consapevolezza che quest’anno non si lotterà per le prime posizioni ma per la permanenza nella massima serie. Sotto questo punto di vista, la sfida contro l’Oriora Pistoia assumeva tutti i connotati della classica partita da vincere senza sé e senza ma. Come la De’ Longhi, i toscani arrivavano da due sconfitte consecutive ed erano alla ricerca della svolta nella loro stagione. Vincere per sbloccarsi, dunque. Un motto che la De’ Longhi è riuscita a far proprio, battendo Pistoia 87-72 e conquistando la prima vittoria in Serie A della sua storia recente. Treviso ha dimostrato una gran voglia di vincere fin dall’inizio con un parziale di 9-0 in due minuti ed è riuscita a migliorare gli aspetti negativi della trasferta di Cremona come la presenza a rimbalzo, soprattutto quello offensivo. Un chiave di lettura importante della partita sta però nelle palle perse: 20 quelle di Pistoia, appena la metà quelle di Treviso. La De’ Longhi si è sbloccata, ma la settimana prossima sarà già attesa da un banco di prova importante: il match in trasferta contro la Fortitudo Bologna. 

CRONACA Menetti schiera in quintetto Nikolic, Logan, Cooke III, Chillo e Fotu. La partenza di Treviso è eccellente, due triple di Nikolic consentono infatti alla De’ Longhi di andare subito sul 6-0. Pistoia ha molte difficoltà offensive, ne approfitta Cooke III che allunga il parziale di Treviso (9-0) e costringe Carrea a chiamare time-out. Petteway segna dalla media e sblocca l’Oriora, Treviso risponde con un’ottima transizione orchestrata da Logan in favore di Chillo. Pistoia, dopo aver segnato solamente un canestro in sei minuti di gioco, riduce le distanze con Brandt e un ispirato Petteway. (15-9 Treviso)

Severini è il protagonista dell’inizio del secondo quarto con un gran recupero in difesa su Landi e un ottimo assist per Tessitori. L’ex Pistoia è scatenato e segna anche da tre punti, Treviso va a +13 con un parziale di 7-0. Tessitori vede il taglio di Severini sotto canestro e lo serve, l’ala di Loreto segna altri due punti. Pistoia trova punti dalla lunetta con D’Ercole e Brandt, a Logan viene invece fischiato un fallo in attacco che vanifica il canestro e fallo dell’ex Sassari. Johnson riporta Pistoia sotto la doppia cifra di svantaggio, Menetti non è contento degli ultimi minuti dei suoi e chiama time-out. Il finale del secondo quarto è pirotecnico: Logan segna una tripla impossibile, ma Della Rosa tira da metà campo e fa canestro per Pistoia. (41-33 Treviso)

Pistoia sembra poter rientrare in partita grazie alle giocate di Brandt e Petteway che valgono il -4. La risposta di Treviso arriva con Cooke III e soprattutto con Isaac Fotu, il quale si rende autore di ottimi appoggi in post basso. Petteway segna ancora da tre punti, Pistoia ritorna a -5 e Menetti non ha altra scelta se non quella di chiamare un altro time-out. Logan con 3 punti in fila e Parks con la schiacciata a due mani riportano il sereno al Palaverde, anche se Pistoia rimane aggrappata al match con la tripla di D’Ercole. Gran giocata difensiva di Nikolic che ruba palla e subisce un fallo antisportivo che lo manda in lunetta. La De’ Longhi piazza un gioco da quattro punti con il 2/3 ai liberi di Parks e il canestro di Tessitori dopo il rimbalzo offensivo, Pistoia replica con mini break di 4-0 che porta la firma di Johnson e Wheatle. Il tiro in allontanamento di Dowdell chiude il terzo quarto. (63-56 Treviso)

Aumenta la posta in palio e di conseguenza anche l’intensità difensiva. Logan rompe gli indugi con una tripla fuori ritmo che vale il +10.  Dowdell segna un altro canestro impossibile che fa respirare Pistoia, ma dall’altro lato Logan va a bersaglio con una tripla realizzata saltando su un piede solo. Landi tira dalla lunga distanza e sbaglia, Parks no: Treviso vola a +14. Petteway torna a segnare dal campo, ma la De’ Longhi mette la quinta con l’ennesima prodezza di Logan e azzanna il match. Le triple di Severini e Fotu danno il via alla festa sugli spalti. La De’ Longhi batte Pistoia 87-72 e conquista la prima vittoria in Serie A della sua storia. 

(Ph.Credit: Thomas Barea)

MARCATORI

De' Longhi Treviso: Logan 17, Fotu 17, Nikolic 15, Severini 11

Oriora Pistoia: Petteway 17, Johnson 15, Brandt 14, Dowdell 9

PAGELLE

Lorenzo Uglietti 6 Più a fari spenti rispetto alle ultime due partite, dà un buon contributo a livello difensivo.  

Matteo Chillo 6 Molto attivo in entrambi i lati del campo, fa a sportellate a rimbalzo e si dimostra pronto a correre in contropiede quando serve. 

David Logan 8 Micidiale. Crea sempre dei problemi alla difesa di Pistoia con le sue penetrazioni in area, ma è soprattutto nel secondo tempo che si prende la scena diventando immarcabile. Grazie a lui la De' Longhi scava il solco decisivo nell'ultimo quarto.

Aleksej Nikolic 7.5 La prestazione dello sloveno è un'altra delle note liete di serata. Protagonista della gran partenza trevigiana con due triple, non cala mai di livello. Lo specchio della sua ottima partita è la palla rubata a metà terzo quarto e il fallo antisportivo che guadagna scappando in contropiede.

Luca Severini 7 Ex di serata, lascia decisamente il segno. Nel secondo quarto è lui la principale arma offensiva di Treviso con 5 punti in 3 minuti. Da segnalare il grande recupero in difesa su Landi lanciato a canestro e l’ottimo passaggio per Tessitori nel pitturato.

Isaac Fotu 7.5 Prestazione di livello con 17 punti e 5 rimbalzi.  I movimenti sotto canestro sono ottimi e, a differenza della gara contro Milano, sono accompagnati da cinismo realizzativo.

Amedeo Tessitori 5.5 Non particolarmente brillante, qualche buona lettura difensiva e offensiva. Litiga con il ferro in diverse occasioni.

Charles Cooke III 6.5 Aveva di che farsi perdonare dopo la scelta di tiro scellerata sul finale di partita a Cremona. Gioca una buona partita e non forza più del dovuto. Le due sciocche infrazioni di passi all’inizio del primo quarto ci dicono però che deve rimanere più concentrato in certe fasi del match.

Jordan Parks 7 Tutt’altra cosa rispetto al giocatore visto nelle prime due uscite. Molto più presente nei meccanismi di gioco. Da migliorare la gestione dei falli.

MVP di TrevisoToday: David Logan

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento