Il Treviso Basket soffre e sogna fino all'ultimo, ma alla fine vince l'Aquila Trento

Ottime le prove sia di Gentile che di Fotu. Fatali per i trevigiani gli ultimi minuti di gioco dopo aver eseguito una grande rimonta a metà match

Una foto del match (Credit Aquila Basket)

La Dolomiti Energia Trentino nel momento di massima difficoltà si scopre grande e con ultimo quarto di qualità e forza si impone sulla De’ Longhi Treviso nel sesto turno di campionato: i bianconeri con il 75-71 della BLM Group Arena colgono il terzo successo stagionale in Serie A trascinati dal fosforo di Aaron Craft (10 punti, sette assist e due recuperi in 33’) e dalla potenza di uno strepitoso Ale Gentile, Cavit MVP dell’incontro con una prestazione da 29 punti e 10 rimbalzi. Orfani di Rashard Kelly, rientrato negli Stati Uniti per la nascita del figlio, i trentini hanno trovato negli ultimi 10’ le risorse per ribaltare il 51-62 che sembrava aver indirizzato il match verso Treviso e trascinati anche dal pubblico di via Fersina hanno mostrato rabbia, cuore e muscoli per strappare i due punti agli ospiti.

Il momento chiave

Arrivata a meno 11 nelle prime battute dell’ultimo quarto, la Dolomiti Energia piazza un grande break ispirato prima dagli assist di Craft e dai canestri di Knox (13 punti e nove rimbalzi), poi culminato con i punti di Blackmon e le giocate di classe e potenza di Ale Gentile. Il complessivo 27-14 dell’ultimo quarto è l’emblema di una partita chiusa con un crescendo che ha saputo entusiasmare i 3.500 della BLM Group Arena.

Il numero

+ 17, il plus/minus di Aaron Craft.

De’ Longhi Treviso: Fotu 22 pt., Cooke 12, Chillo 10, Logan 10, Tessitori 8, Nikolic 6, Parks 3.

Parola al coach Nicola Brienza (Dolomiti Energia Trentino)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Prima di tutto voglio fare a nome di tutta la squadra e della società le congratulazioni a Rashard per la nascita del figlio: abbiamo permesso al ragazzo di tornare a casa negli Stati Uniti perché ci sono cose la cui importanza va ben al di là di una partita di pallacanestro. Venendo alla partita, sapevamo che sarebbe stata difficile e complicata, e tale è stata: nel finale però abbiamo tirato fuori la rabbia agonistica e lo spirito che ci dobbiamo portare via da questa serata per continuare il nostro processo di crescita al meglio. Non ci siamo stati, a perdere questa partita, e per il modo in cui abbiamo sempre lavorato in questi giorni sapevamo di meritare un buon risultato e una buona prestazione mentale da cui ripartire dopo le sconfitte con Brescia e Cantù».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento