Sport

Salento e Rally della Marca per il riscatto del driver trevigiano Marco Signor

Condizionato da una foratura al 1000 Miglia il suo debutto stagionale. Ora sarà tutto puntato sulla gara trevigiana per lo scudetto del Campionato Italiano Wrc

TREVISO Siamo di parte? Un po' sì, certamente. E come potremmo non esserlo avendo un asso nella manica, il trevigiano che può vincere il Rally della Marca e battersi per lo scudetto del Campionato Italiano Wrc? Così Marco Signor l'abbiamo seguito da vicino al 1000 Miglia, al suo debutto stagionale nella serie tricolore con la Ford Focus Wrc targata Sama Racing, dopo aver dovuto rinunciare al primo appuntamento all'Isola d'Elba. Fresco, pimpante, carico per l'appunto "a mille" dopo il successo preparatorio del Bellunese con una Fiesta Rrc in compagnia del suo inseparabile navigatore Patrick Bernardi.

Però a Brescia la dea bendata, come parecchie altre volte, gli ha voltato le spalle.

"Sulla ps 1 - racconta - dopo appena 3 km abbiamo forato la posteriore destra, non sappiamo com'è successo, sono sicuro di non aver fatto alcun taglio di percorso in curva. Ci sono voluti tre minuti e mezzo per cambiarla, costretti tra l'altro a montare una gomma da bagnato e ripartendo quindi con un assetto non più ottimale. Però nella ps 2 siamo riusciti ad ottenere il secondo tempo alle spalle di Luca Pedersoli e addirittura a firmare uno scratch sulla ps 3 e a stargli davanti di un decimo. Il resto è cronaca. Una violenta grandinata nella ripetizione di "Irma" ha determinato l'annullamento della prova. Sulla lunga di "Pertiche" ho sbagliato io in due inversioni e mi si è pure spenta la macchina, ma non aveva più senso tirare. Nel finale su "Moerna" ci siamo piazzati secondi alle spalle di Corrado Fontana, attenti a non fare guai con una gara già ampiamente compromessa. Niente da aggiungere, guardiamo avanti. Abbiamo due zeri in classifica e dobbiamo stare sereni per affrontare il Salento all'inizio di giugno, dove l'anno scorso eravamo al comando prima di essere estromessi da un principio d'incendio. Amen".

A Brescia come hai visto i tuoi avversari?

"Pedersoli molto concentrato, ma anche fortunato nella seconda metà di gara. Se non veniva annullata la seconda di "Irma", forse non sarebbe riuscito a tener dietro Fontana, che sul bagnato è andato davvero forte. Paolo Porro mi sembra abbia avuto un problema meccanico, non è giudicabile. Però ha vinto all'Elba".

Campionato in salita con partenza ad handicap. Ti aspettiamo al Marca.

"Io faccio gli scongiuri".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salento e Rally della Marca per il riscatto del driver trevigiano Marco Signor

TrevisoToday è in caricamento