Buona la seconda di Scopel all'Adria Rally Show

Con poca esperienza, sulla Skoda Fabia R5, e con oltre quaranta pretendenti al successo in classe il pilota di Possagno chiude con un ottimo quindicesimo posto.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

È un Roberto Scopel ampiamente soddisfatto quello rientrato dalla recente tre giorni all'Adria International Raceway per la seconda edizione di Adria Rally Show, evento che ha di fatto aperto la stagione agonistica motoristica in Triveneto. Il pilota di Possagno era ben consapevole della sfida che si trovava davanti, oltre quaranta le vetture di classe R5 iscritte alla kermesse polesana con tanti big pronti a fare la voce grossa. Seppur reduce dal brillante terzo posto assoluto, al debutto a fine 2019, in quel di Rijeka per il trevigiano si trattava della seconda apparizione sulla Skoda Fabia R5, nell'occasione messa a disposizione dal team RB Motorsport e condivisa con l'amico Andrea Prevedello alle note.

Sfruttando il proprio passato di specialista dei formula driver il neo portacolori di MT Racing, a sostegno dell'Associazione Giocaconilcuore odv, chiudeva con un buon diciannovesimo tempo nella qualifying stage “Rovigo Run”, la quale definiva l'ordine di partenza della prima tappa. Dopo aver preso le misure, sui due passaggi della “Adria Long Run”, Scopel iniziava a progredire sensibilmente e, grazie al tredicesimo parziale firmato sulla prima “Adria Grand Prix”, concludeva la prima frazione, quella del Sabato, già al sedicesimo posto di classe R5. “È naturale che non potevamo pensare di competere con i migliori – racconta Scopel – perchè questa era la nostra seconda gara con la Skoda Fabia R5. L'elenco iscritti di questo Adria Rally Show è stato impressionante. Oltre quaranta R5, svariate WRC e nomi illustri. Dal canto nostro abbiamo cercato di lavorare a testa bassa e, grazie ai consigli di RB Motorsport, abbiamo imboccato la strada giusta. La vettura dava buone sensazioni, sin dal via, e questo ci permetteva di spingere, cercando migliorie nell'assetto che ci permettessero di crescere. Peccato per un errore che abbiamo commesso in avvio, ci siamo girati e siamo finiti nella ghiaia. Avremo perso una quindicina, forse una ventina, di secondi. Ci sta, fa parte del gioco”.

La Domenica mattina la carovana di Adria Rally Show ripartiva, per affrontare i due ultimi impegni cronometrati in programma, con Scopel che confermava quanto di buono dimostrato nella giornata precedente, autore del diciassettesimo tempo tra le R5 sulla prova più lunga. Sui poco meno dei tre chilometri della conclusiva “International Karting Track”, all'interno di Adria Karting Raceway, ampio uso del freno a mano e spazzolate a profusione, sintomo della gioia per il quindicesimo posto di classe R5 e di gruppo R, diciottesimo nella generale. “Quello che volevamo dimostrare a noi stessi è stato fatto – aggiunge Scopel – così, nella prova conclusiva, abbiamo fatto un po' di spettacolo per chi ci seguiva da casa. Siamo molto soddisfatti del risultato che abbiamo ottenuto, vedendo il contesto nel quale abbiamo corso. Il livello era davvero molto alto. Grazie a tutti i nostri partners, a MT Racing ed al buon Prevedello, bravissimo dentro e fuori dall'abitacolo. Grazie anche a Denis Babuin, nostro compagno di squadra che ci ha aiutato e noi due sappiamo di cosa parlo. Ora lavoreremo per cercare di continuare con la Skoda Fabia R5, provandola a guidare in un rally vero, su strada".

Torna su
TrevisoToday è in caricamento