rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Sport

Scopel, al Bellunese, torna nella classe regina

Il pilota di Possagno, un affezionato alla classica in Triveneto, si calerà nuovamente nell'abitacolo di una Skoda Fabia Rally2, a distanza di due anni dall'ultima presenza.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Si apre finalmente la stagione dei rally in Triveneto, dopo un inizio rocambolesco condito da svariate defezioni, e l'edizione numero trentasette del Rally Bellunese è pronta ad accendere il motore della Coppa Rally ACI Sport in quarta zona. Ai nastri di partenza, di uno degli eventi più attesi della serie, troveremo anche Roberto Scopel, al primo cartellino di presenza stagionale e reduce da un 2022 che, eccezione fatta per il successo di classe firmato sulle strade di casa del Colli Trevigiani, lo ha visto più impegnato sul fronte organizzativo, con uno Scopel Day che non mancherà anche in questa nuova annata. L'ultima volta che lo si era visto nella classe regina era lo Scorzè targato 2021, sesto assoluto prima di un inatteso stop forzato a causa di un'uscita di strada, e per questa inaugurazione della CRZ il pilota di Possagno ha deciso di riprovarci, tornando alla guida di una Skoda Fabia Rally2, fornita da Motor Team, da condividere con Andrea Prevedello. “Possiamo dire che il Bellunese sarà il mio primo rally vero con la Fabia Rally2” – racconta Scopel – “perchè, se consideriamo lo Scorzè di due anni fa, i chilometri che ho percorso al volante, su una strada vera, sono davvero pochi. Certo, la ho usata anche in pista ad Adria ma lo sappiamo bene quanto sia diverso correre fuori da un circuito con questi mezzi. Non faremo nessun test ed è oltre un anno che non salgo su una vettura da rally. Partiremo da zero.” Un amore viscerale, quello tra il neo portacolori di EASI ed il Bellunese, che lo ha visto spesso protagonista su queste strade, ricordando il terzo assoluto del 2010 oppure il terzetto di quinti piazzati nel 2014, 2011 e 2009, sempre firmando la classe con l'intramontabile Clio gruppo A. “Prima di tutto voglio ringraziare Carlo Colferai e tutta la EASI” – sottolinea Scopel – “e metterò il massimo del mio impegno per poter difendere al meglio i colori di questa nuova scuderia. Ho corso qui tante volte, posso considerarla una mia seconda gara di casa. Ho ottenuto tanti risultati prestigiosi con la Clio gruppo A ma i tempi sono cambiati. Non vediamo l'ora di iniziare.” Una sola giornata di gara, quella di Domenica 2 Aprile, per otto prove speciali che andranno a costituire i poco più di settanta chilometri cronometrati, sugli oltre duecento complessivi di gara. Una doppia tornata su “Lentiai” (7,20 km), “Castello di Zumelle” (6,20 km) e “Melere” (12,79 km) anticiperà il terzo e conclusivo giro, previsto con la ripetizione di “Lentiai” e “Melere”. “Le prove si adattano al mio stile di guida” – conclude Scopel – “ed in particolare le prime due, più lente e guidate. Adattarmi alla vettura, questo sarà il vero tema della giornata. Io ed Andrea, che ringrazio di cuore, non ci aspettiamo nessun risultato. Grazie a tutti i partners ed alla mia famiglia. Cercherò di dare il meglio perchè voglio dedicare questa gara a mio padre. Sarà la prima volta che correrò senza ricevere la sua telefonata e non sarà per niente facile.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scopel, al Bellunese, torna nella classe regina

TrevisoToday è in caricamento