rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Sport

Taro, Avbelj e Diserò verso la seconda dell'Irc

Round due dell'International Rally Cup per Xmotors Team, il pilota sloveno alla caccia del primo successo stagionale mentre il friulano continuerà a fare esperienza.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

La lunga pausa è finalmente terminata e per i portacolori di Xmotors Team, dopo quasi due mesi di sosta, è tempo di tornare ad indossare tuta e casco. I prossimi 28 e 29 maggio i riflettori torneranno ad accendersi sull'International Rally Cup, pronto a tracciare il giro di boa stagionale con il Rally del Taro, una classica della serie. Confermati i due alfieri della scuderia con base a Maser, a partire da un Boštjan Avbelj che, dopo aver sfiorato il successo in Maremma, punterà al primo alloro stagionale nel parmense.

Il pilota sloveno sarà della partita su una Skoda Fabia Rally 2 Evo di MS Munaretto, condivisa con Damijan Andrejka alle note, su strade che lo videro già protagonista nella passata edizione. La prima punta della compagine trevigiana figura attualmente al secondo posto della classifica assoluta, a meno otto dal leader Nucita grazie anche alla vittoria nella power stage toscana. «Torniamo finalmente al Taro - racconta Avbelj - ed il nostro principale obiettivo sarà quello di prendere tutto il nostro potenziale, quello che abbiamo espresso lo scorso anno lottando per la vittoria, e cercare di metterlo a frutto al traguardo. Il percorso è stato modificato, rispetto al 2021, ed affronteremo due prove speciali nel senso opposto. Credo che questo renderà maggiormente tecnico il percorso. Si passerà da una sede stradale molto aperta ad altre davvero strette. Vari cambi di asfalto ed alcuni tratti molto tecnici che, personalmente, dovrebbero adattarsi molto bene al mio stile di guida. Il team rimane invariato e sarò sempre assieme a Damijan, al volante della Skoda Fabia Rally 2 Evo di MS Munaretto con i colori di Xmotors Team. È certo che daremo il massimo e vedremo che risultato ne uscirà alla fine. Grazie a tutti coloro che stanno credendo in noi e che ci supportano, soprattutto ai partners». Debutto al Taro per Luca Diserò, in gara con una Peugeot 208 R2 di Emmepi Racing, con tanta voglia di crescere in un contesto altamente competitivo come è l'IRC targato 2022. Il pilota di San Michele al Tagliamento ritroverà al proprio fianco Stefano Peressutti e l'obiettivo primario sarà quello di risalire una classifica di IRC R2B Aspirato che, ora, lo vede sedicesimo.

«Dopo la prima di IRC siamo sedicesimi nella nostra classe - conclude Diserò - e questo sarà il nostro primo Taro. Non abbiamo mai corso qui quindi sarà tutto nuovo. Avendo un budget ristretto non possiamo permetterci test o gare di contorno, per allenarci, quindi dovremo sfruttare lo shakedown ed i primi chilometri di speciale per riprendere il giusto ritmo. Dal Maremma sono passati quasi due mesi e l'assenza dall'abitacolo si farà sentire. Le speciali sono molto lunghe e veloci. Devo ammettere che non sono più abituato a questi chilometraggi ma cercheremo di mantenere alto il livello di concentrazione, evitando di commettere errori. Grazie di cuore a tutti quelli che mi stanno sostenendo. Grazie a Maxmark, ad Emmepi Racing, ad Xmotors Team, a Fabrizio Handel ed a tutti i partners che mi permettono di vivere questo sogno. Grazie anche a tutta la mia famiglia che, purtroppo, mi segue da molto lontano. Cercheremo di dare il massimo e di crescere, nel confronto con i nostri avversari, qui al Taro».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taro, Avbelj e Diserò verso la seconda dell'Irc

TrevisoToday è in caricamento