Il Team Cmc di Valdobbiadene è il nuovo campione del challenge Superenduro 2018

A Priero (Cuneo) nel round finale Nicola Casadei conquista gara e titolo assoluto battendo per 8”.50 Denny Lupato (Team Cingolani), fratello di Alex, e Matteo Berta (Team Dsb Comes Fristads) terzo a 24”.13

VALDOBBIADENE Nicola Casadei e il Team CMC sono i campioni del challenge Superenduro 2018. A Priero (Cuneo), in Piemonte, nel round 4 l’ultimo della stagione, Casadei si è presentato da leader della generale dopo i due successi consecutivi a Calestano, round 2, e Canazei, round 3. Bellissimo il testa a testa tra Nicola Casadei e Denny Lupato che ha tenuto banco per tutte le 6 prove speciali in programma domenica qui sui trail di Priero. Prova generosa quella del sammarinese classe 1989 del Team CMC che anche qui in Piemonte ha dimostrato di avere qualcosa in più rispetto ai rivali conducendo la gara dalla prima all’ultima PS.

Il risultato è stato la vittoria di Casadei che ha battuto per 8”.50 Denny Lupato (Team Cingolani), fratello di Alex, e Matteo Berta (Team Dsb Comes Fristads) terzo a 24”.13. Solo quarto il campione italiano Alex Lupato (Team Cingolani), che sulla carta doveva essere il rivale diretto di Casadei per il titolo, che ha chiuso la sua prova con un ritardo di 36”.93. Per il Team CMC spicca anche il quinto posto del bellunese di Mel, classe 1997, Erwin Ronzon oggi sempre in linea con i tempi dei migliori.

In virtù di questo risultato Nicola Casadei ha conquistato il titolo assoluto Superenduro 2018. Già secondo lo scorso anno quest’anno Casadei è riuscito a riprendersi il titolo che in precedenza aveva vinto nel 2015 quando il circuito si chiamava ancora Coppa Italia.
“Oggi tutto è andato per il verso giusto. Pur non conoscendo bene questi sentieri sono riuscito a esprimermi al massimo, guidando bene la bici in tutti i settori. Sapevo che non sarebbe stato facile ma dopo le prime PS ho visto che l’obiettivo era sempre più vicino e alla mia portata. E’ sicuramente una delle gioie più belle e importanti della mia carriera. La dedica è per chi ha creduto in me, la squadra ma anche la mia famiglia e la mia fidanzata che mi stanno vicino, mi aiutano e mi sopportano. Sento che la condizione è molto buona quindi ora l’obiettivo e riuscire ad esprimermi su questi livelli anche nel finale di stagione dell’ Enduro World Series, con le gare del circuito mondiale e continentale” dice il vincitore del Superenduro 2018 Nicola Casadei.

Guardando alle varie classifiche il Team CMC può sorridere su tutti i fronti. Nella categoria junior “doppietta” con vittoria della gara del bellunese di Feltre Roberto Paludetto e secondo posto del romagnolo di Imola Matteo Saccon, terzo nella generale Superenduro junior 2018. Si tratta di due talenti classe 2000 che rappresentano il futuro del Team CMC e dell’ enduro mtb italiano.Molto buona anche la prova dell’altro romagnolo, classe 1998, di Borgo Tossignano Mirco Vendemmia, vincitore della PS4 e terzo nella PS6, poi undicesimo assoluto perchè rallentato da un problema meccanico nella prima parte di gara.Le gioie non finiscono qui perché il Team CMC si è distinto anche in campo femminile con il terzo posto assoluto della bellunese Olesia Ronzon, sorellina di Erwin.Senza dimenticare infine il trentino Carlo Zortea che tra gli amatori nella categoria master 5 ha chiuso la gara al secondo posto conquistando la classifica generale Superenduro 2018 della sua categoria.Una grande prestazione per il Team CMC durante tutta la stagione che ha fruttato il secondo posto nella classifica a squadre del Superenduro.

“La vittoria del titolo Superenduro era uno dei grandi traguardi stagionali e lo abbiamo raggiunto. Nelle ulime ue stagione abbimo lavorato molto con Nicola Casadei e il gruppo di giovani costruito attorno a lui e Erwin Ronzon che sono i piloti più esperti. Ora i risultati si vedono. Quelli ottenuti nel Superenduro sono vittorie e podi che ci danno grande soddisfazione e che ci posizionano ai vertici del movimento enduro mtb italiano. Da qui ripartiamo per concludere bene la stagione anche nei circuiti EWS, il mondiale della specialità, e EWS continental, la nuova coppa europa, cercando il confronto con i top rider stranieri. Stiamo già guardando al 2019 con l’ambizione e la voglia di crescere e migliorare anche sulla scena internazionale dove quest’anno per il Team CMC sono arrivate le prime affermazioni e i primi podi” spiega il team manager Davide Geronazzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Faccio i complimenti a Casadei per la vittoria e a tutta la squadra per l’ottimo lavoro svolto e i risultati di spessore conseguiti in tutte le categorie del challenge Superenduro 2018. Il progetto del Team CMC si è sviluppato costantemente stagione dopo stagione, merito della passione e dell’impegno di chi lo compone: atleti, staff tecnico e dirigenza. Ora vogliamo crescere ancora e se questo è possibile il merito è anche dei nostri sponsor, sia aziende del territorio d cui proveniamo, il Veneto, che brand importanti del settore bicicletta; sponsor che siamo riusciti a coinvolgere, e spero anhe ad entusiasmare attraverso l’enduro mtb, e che credono nella nostra realtà e in quello che facciamo” dice il presidente del Team CMC Enrico Bonsembiante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, ecco tutti i check-point per la consegna delle mascherine della Regione

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus, addio al maestro di sci Silvio Baratto

  • Coronavirus, ecco l'elenco di tutte quelle attività che restano aperte post Decreto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento