rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Sport

Tripudio orogranata: volley Treviso è campione d'Italia under 15

Nella finale scudetto gli orogranata partono in svantaggio nel primo set, aggrediti dalla superiorità fisica di Zlatanov (figlio d’arte) e compagni

Un Volley Treviso, incredibile, stellare, da brividi, capace di dare tutto e anche di più nel momento cruciale della stagione, si laurea campione d’Italia U15 nelle Finali Nazionali andate in scena a Prato. I ragazzi guidati da coach Diego Martin superano in quattro set la Gas Sales Bluenergy Piacenza, corazzata tra le favorite della vigilia, e a 9 anni dall’ultimo scudetto nella categoria (2014 a Montecchio Maggiore) salgono sul gradino più alto del podio coronando una stagione già bellissima di per sé.

Nella finale scudetto gli orogranata partono in svantaggio nel primo set, aggrediti dalla superiorità fisica di Zlatanov (figlio d’arte) e compagni, ma dal secondo parziale riescono ad aspettare pazientemente le proprie occasioni e ad assicurare una continuità di gioco e una freddezza nei momenti decisivi da giocatori navigati. Trascinati da Crosato, che quando mette il turbo riesce a trovare il punto anche nelle situazioni più complicate, i trevigiani vincono secondo e terzo set e nel quarto, dopo aver perso il grosso vantaggio accumulato a suon di difese e contrattacchi, se la giocano sul punto a punto e mettono la zampata decisiva per vincere il match. Una vera vittoria di squadra, perché tutti i singoli giocatori hanno messo letteralmente qualcosa in più per arrivare all’obiettivo ed è forse stato questo a fare la differenza tra le due squadre per il successo finale.

Uno scudetto che è il degno coronamento di una stagione che ha visto questi ragazzi conquistare tutti i tornei e i titoli giocati. Il livello di attenzione, la disinvoltura nel giocare palloni bollenti e nel provare (e riuscire) a fare gesti tecnico-tattici magari non ancora consolidati, testimoniano il gran lavoro di coach Martin e del suo staff e il cuore messo dai ragazzi.

L’anno scorso le Finali Nazionali U15 erano iniziate con uno sfortunato girone assieme a quelli che si sarebbero laureati campioni e vicecampioni d’Italia e Treviso aveva chiuso al nono posto. Per Martin e staff un dolcissimo riscatto ad un anno di distanza che fa dire, ancora una volta, “siamo sulla strada giusta”.

La gara

Piacenza conduce nei primi scambi, ma Treviso non è da meno e resta in scia (8-7). I piacentini piazzano un break a muro e sfruttano l’errore orogranata su azione lunga per andare sul 12-8. Il cambiopalla trevigiano non riesce a valicare la fisicità del muro piacentino; Piacenza va a segno con le sue bocche di fuoco Zlatanov e Maffini. Pasi dal centro mette giù il 15-9 e il 17-11, ma gli avversari volano sul 20-14. Brancaleoni trova continuità in attacco e Pasi trova il muro, costringendo Barbon al time out (21-17). Luciani però mette a terra il 24-19 da zona due; Crosato annulla in contrattacco due set point, ma Piacenza chiude 25-22 in primo tempo.

Nella seconda ripresa è punto a punto; Treviso piazza due break spingendo con il servizio di Biondo, Crosato segna l’8-7 Treviso. Due errori consecutivi di Piacenza regalano il 12-9 a Treviso ed è time-out. I piacentini sprecano ancora, messi sotto pressione da battuta e difesa orogranata (16-11). Biondo trova l’ace (19-12) e Crosato contrattacca per il 20-12. È ancora lui a trovare i punti decisivi che fanno andare Treviso sul 23-16, ma due errori poi costringono Martin a fermare il gioco. Sartori in primo tempo trova il set point (24-19), Zlatanov annulla; Crosato in pipe scardina il muro e chiude (25-20).

Nel terzo le due formazioni vanno di pari passo (8-8 con Crosato in parallela). Continua il botta e risposta (12-12) con Crosato e gli attacchi dal centro di Treviso che assicurano il cambiopalla. Biondo da quattro finalizza le difese di De Bernardi e c’è il time-out Piacenza (15-13). Ci pensa Zlatanov a pareggiare (15-15), ma poi c’è l’allungo Treviso con Crosato in attacco e il muro del 19-15. Ancora Crosato va a segno (21-17), Zlatanov risponde da zona 2 (21-19) e Martin chiama time-out. Crosato trascina i suoi sul 23-20, ma c’è il pareggio con i due ace di Aquino. Brancaleoni si fa trovare ancora pronto e trova il set point con un diagonale (24-23) e poi inchioda un ace sulla riga di fondo (25-23).

Brancaleoni inizia bene anche il quarto parziale sia in attacco che al servizio (6-2). Crosato mantiene il vantaggio (9-5). Piacenza si affida a Zlatanov che non sbaglia e ricuce (9-7). Le difese si entrambe le squadre non si risparmiano. Brancaleoni segna il 13-9 e Crosato da pipe il 14-9. Bucacco imbecca Sartori al centro (16-10). Piacenza accorcia con un muro (16-12) e Zlatanov stringe un contrattacco in diagonale stretta, Martin ferma il gioco (16-13). Il cambiopalla trevigiano si ferma, schiantandosi sul muro piacentino (16-15). Il set si complica, è punto a punto e Zlatanov piazza il pallonetto del 19 pari. Crosato risponde in parallela e poi sfruttando il muro (21-19) poi conclude uno scambio incredibile (22-19). Zlatanov non ci sta ed è -1, poi Brancaleoni a contrasto fa il 23-21. Sartori blocca a muro Zlatanov (24-21) e Treviso chiude 25-21.

A fine gara per Volley Treviso arriva il premio individuale di miglior attaccante a Francesco Crosato, per tutto il torneo punto di riferimento per la squadra di Martin non solo in attacco, ma in tutti i fondamentali.

Le parole post vittoria scudetto di coach Diego Martin, che con questa vittoria mette in bacheca il suo scudetto numero 5: “Prima del match ho detto ai ragazzi che la chiave per vincere questa finale era accettare che ci sarebbero state delle cose sulle quali non avremmo avuto il controllo, tra le quali gli attacchi di Zlatanov (ben 49 punti in finale, premiato MVP delle Finali, ndr) e che avremmo dovuto approfittare di quei 5-6 palloni a set che loro avrebbero potuto concederci e che potevano fare la differenza per noi. I ragazzi sono stati perfetti nel farlo. C’è stato un po’ di bisogno di adattamento nel primo set, ho chiesto loro di impostare la nostra gara tatticamente in modo diverso rispetto a quanto fatto durante tutto l’anno. Ognuno di loro ha risposto presente a questa richiesta e hanno fatto davvero un capolavoro. Sono davvero contento per come è arrivata questa vittoria: i ragazzi oggi, a parte qualche momento di poca lucidità, sono rimasti sempre sul pezzo, rispettando tutte le nostre indicazioni tecnico tattiche, che, devo dire, si sono rivelate vincenti. Vincere uno scudetto così, sentendo la squadra muoversi come un tutt’uno, è la cosa più bella”.

FINALI NAZIONALI U15 – FINALE

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA – VOLLEY TREVISO 1-3 (25-22, 20-25, 23-25, 21-25)

Gas Sales Bluenergy Piacenza: Nonni ne, Veneziani 2, Zlatanov 49, Aquino 4, Luciani 5, Bonetti ne, Cherrez 0, Gualla ne, Maffini 2, Cometti 3, Capurri 1, Rodriguez ne, Chebbi L, Andreatti L. All: Barbon

Volley Treviso: Pasi 5, Volpato 0, Brancaleoni 13, Sartori 11, Crosato 29, Colusso L, Samele ne, Bubacco 1, Costa ne, Ogbekene ne, Fardin ne, Biondo 16, Gritti ne, De Bernardi L. All. Martin

Arbitri: Laura Monti e Gabriele Farnesi

Durata set: 24, 23, 27, 28 tot 1h 42

Piacenza: battute sbagliate 5, ace 4, muri 7, errori 22

Volley Treviso: battute sbagliate 11, ace 4, muri 8, errori 23

I risultati del torneo

Treviso - Ravenna 3/2

Treviso - Macerata 3/0

Treviso - Pomigliano 3/0

Treviso - Diavoli Rosa 3/0

Treviso - Colombo 3/0 - semifinale

Treviso - Piacenza 3/1 - finale

Classifica finale del torneo

1- Treviso

2- Piacenza

3- Genova

4- Marino Lazio

5- Macerata

6- Diavoli rosa

7- Parella Torino

8- Montichiari

Albo d’oro di categoria

2022 Lube

2021 Diavoli Rosa

2020 n.d

2019 Diavoli rosa

2018 Colombo Genova

2017 Colombo Genova

2016 Castellana Grotte

2015 Castellana Grotte

2014 Volley Treviso

Gli scudetti di coach Martin - Volley Treviso 5

2023 U15

2014 U15

2012 U14

2011 U14

2009 U14

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tripudio orogranata: volley Treviso è campione d'Italia under 15

TrevisoToday è in caricamento