rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Sport Oderzo

Torna in campo il Trofeo Loris dopo lo stop della pandemia: è sfida tra 20 società

E' tutto pronto per la manifestazione sportiva a carattere nazionale riservata ai piccoli calciatori appartenenti alla categoria esordienti 1° anno, classe 2010

È tutto pronto per il ritorno in campo del 2° Torneo Nazionale Usd Opitergina - 18° Trofeo Ristorante Loris, la manifestazione sportiva a carattere nazionale riservata ai piccoli calciatori appartenenti alla categoria esordienti 1° anno, classe 2010, organizzata dall’Usd Opitergina in collaborazione con la società Asd Vittorio Falmec S.M. Colle che si disputerà nei giorni 23, 24 e 25 aprile 2022. Due i campi di gioco dell’edizione 2022, dallo stadio comunale Opitergium di Oderzo allo stadio Paolo Barison di Vittorio Veneto.

Un’ottima notizia per il mondo calcistico del settore giovanile del territorio, che dopo due anni di stop forzato dettato dalla pandemia, tornerà a confrontarsi con il meglio dei vivai di alcune tra le più importanti scuole calcio nazionali. La presentazione ufficiale del 2° Torneo Nazionale Usd Opitergina - 18° Trofeo Ristorante Loris è si è tenuta giovedì al Ristorante Loris di Pieve di Soligo ed è stata l’occasione per svelare le 20 società partecipanti, il calendario delle partite e tutti i dettagli della nuova edizione della manifestazione.

Presenti all’incontro, accolti dal titolare e storico organizzatore Loris Bellè, anche il direttore generale dell’Usd Opitergina, Giuliano Mascherin, e il presidente dell’Asd Vittorio Falmec S.M. Colle, Pierluigi Tonon. Tra le autorità del territorio presente anche il consigliere regionale Tommaso Razzolini in qualità di membro della Sesta commissione consiliare permanente in tema di politiche per la cultura e lo sport.

Le squadre 

Girone A: Bologna, Vicenza, Triestina Calcio, Sandonà 1922, Opitergina; Girone B: Venezia, Sudtirol, Dolomiti Bellunesi, Treviso 1993, Liventina; Girone C: Udinese Calcio, Cittadella, Mestre, Montebelluna, Giorgione Calcio 2000; Girone D: Fiorentina, Pordenone Calcio, Calcio Padova, Bassano, Vittorio Falmec S.M. Colle.

Le dichiarazioni

 Loris Bellè, Ristorante Loris: “La passione che ci muove da 18 edizioni è rimasta intatta e vuole continuare a permettere ai piccoli calciatori di guardare al futuro con speranza, magari con un pallone tra i piedi in mezzo a un campo di calcio. Senza dimenticare il valore che questa manifestazione apporta al territorio dal punto di vista della ricettività turistica. Il grazie va alle società organizzatrici Opitergina e Vittorio Falmec, a tutti gli sponsor e a tutti i collaboratori tra cui Mauro Zanatta, Moreno Zanchetta”.

Giuliano Mascherin, Usd Opitergina: “Nonostante la terribile interruzione degli ultimi 2 anni per la pandemia, grazie a Loris e ai suoi collaboratori, abbiamo tenuto duro e siamo sempre rimasti in contatto con la promessa di riproporre il torneo non appena fosse stato possibile e ci siamo riusciti. La valenza nazionale della manifestazione è sempre più marcata, e lavoreremo per farla crescere ancora puntando sull’accoglienza diffusa sul territorio per le società ospiti e le loro famiglie”.

Pierluigi Tonon, Asd Vittorio Falmec S.M. Colle: “Lo sport non deve creare campioni ma uomini e donne: per chi si occupa di calcio giovanile questa è una grande responsabilità,  una vera e propria missione sociale. Per questo motivo aderire a questa manifestazione è una grande gioia, in particolare nell’anno del centenario della nostra società”.

Tommaso Razzolini, consigliere regionale del Veneto: “Essere qui è un piacere e una grande soddisfazione, soprattutto dopo due anni nei quali la pandemia ha penalizzato le società sportive, a volte in modo ingiustificato se pensiamo allo sport come sinonimo di salute e benessere. Il plauso va agli organizzatori del torneo che continuano a credere ai valori di questa manifestazione: un gran bel segnale di ripartenza per tutte le società sportive dilettantistiche del territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna in campo il Trofeo Loris dopo lo stop della pandemia: è sfida tra 20 società

TrevisoToday è in caricamento