menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine dal Topolino dello scorso anno (Foto Benetton Rugby)

Un'immagine dal Topolino dello scorso anno (Foto Benetton Rugby)

Tutto pronto a Treviso per il Trofeo Topolino: attesi 6200 bambini

"La Ghirada" pronta ad ospitare le 340 squadre che si contenderanno la coppa finale in un weekend di divertimento dedicato ai mini atleti

TREVISO Tutto pronto a Treviso ed in Ghirada per l'edizione 2015 del Trofeo Topolino dedicato ai piccoli rugbisti di tutto il mondo. Nato come Torneo “Città di Treviso” nel 1976 e divenuto poi Trofeo Topolino nel 1991, questo evento negli anni ha assunto rilevanza, in termini di partecipazione e di livello agonistico, senza paragoni nel panorama rugbistico italiano ed internazionale.

Il Trofeo Topolino Rugby rappresenta infatti una delle manifestazioni sportive giovanili più conosciute ed importanti in Italia ed Europa ed è tra le prime per dati statistici, che lo rendono tra i tornei più grandi a livello mondiale. Sono ben 340 le squadre che anche quest’anno prenderanno parte alla manifestazione che si svolgerà a Treviso il 9 e 10 maggio, presso il Centro Sportivo “La Ghirada”, la casa del Benetton Rugby, ma anche presso le strutture delle limitrofe Casale sul Sile e Silea per la categoria Under 14. In totale saranno presenti circa 6200 mini atleti di età compresa tra i 5 ed i 14 anni che parteciperanno ad una due giorni all’insegna dello sport, ma soprattutto del divertimento e dell’amicizia. Squadre da tutta Italia, da Torino a Catania, ma anche dall’Europa, con formazioni provenienti da Inghilterra, Irlanda, Portogallo, Austria, Croazia, Lituania, Lussemburgo ed il ritorno del Cau Valencia, squadra spagnola che nel 2011 divenne la prima e sinora unica formazione straniera a trionfare.

Lo spirito che anima il fine settimana del Trofeo Topolino Rugby è evidente sin dal lunedi precedente. Presso il Centro Sportivo “La Ghirada” si respira l’aria frizzante di primavera assieme a quell’emozione dell’evento che si avvicina. Si fanno tutti i preparativi e si iniziano ad allestire tutte le strutture. Il martedi, giorno di allenamenti per i partecipanti, i ragazzi di casa sono salutati da un enorme cerchio formato da tutte le squadre assieme ai giocatori professionisti che partecipano alla Guinness PRO12 ed alla Champions Cup, che li salutano ed augurano il meglio per la kermesse. Tra questi, diversi giocatori della Nazionale Italiana ed anche Alessandro Zanni (87 presenze in Azzurro), scelto quest’anno come testimonial della manifestazione. Tra mercoledi e giovedi iniziano ad arrivare i primi genitori che cercano di accaparrarsi i posti migliori per sistemare tende e gazebo. Negli anni, l’organizzazione di mamme, papà ed appassionati è andata crescendo così come il torneo e ormai si vedono arrivare ogni genere di vettovaglie e conforti. 

Il venerdi si chiude la fase di preparazione e si inizia a pensare al torneo, tra notti insonni e voglia di cominciare. E finalmente arriva il sabato e la festa può avere inizio. Il centro è un continuo via vai di piccoli e grandi atleti, alcuni con zaini più grandi di loro ma con lo spirito e la voglia di non tirarsi indietro e conquistare centimetro dopo centimetro la meta. Ma mai da soli, perché nel rugby si avanza passando palla all’indietro ed ogni giocatore è fondamentale per poter spingere in meta un proprio compagno. E’ la squadra, insomma, a dover prevalere davanti al singolo. Arrivano gli autobus che portano le squadre che alloggiano tra Treviso e le zone limitrofe, su tutte la vicina località balneare di Jesolo. Si iniziano ad allestire i gazebo, che fanno da cornice allo splendido villaggio Disney, pieno di giochi ed animazione. I genitori iniziano a servire caffè al mattino, per poi passare a bibite, panini, salami, porchette, formaggi, pasta, dolci e chi più ne ha più ne metta. Dopo una mattinata intensa di partite, non si vede l’ora di andare tutti assieme in mensa e farsi un bel pranzetto, un po’ di riposo, recuperare le energie e ricominciare. Quando la giornata finisce si è stanchi si, ma tutti con Topolino in mano, si torna a casa o ai propri pernottamenti, pronti a ricominciare. Anche perché la domenica porta la grande gioia finale. Si va allo Stadio Monigo, dove il Benetton Rugby gioca i propri incontri casalinghi. Si riempie un impianto capace di ospitare 5000 spettatori per assistere alle gare finali. Ma non saranno quelle a dire chi ha vinto davvero il Trofeo Topolino Rugby. A vincere sono tutti i mini atleti, i loro genitori, amici, allenatori ed accompagnatori, come in ogni festa che si rispetti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento