rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Sport

Trofeo Torresan e Musco, una tradizione che la Polisportiva continua

Trofeo Internazionale Torresan e Musco di Lotta Olimpica

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Sabato 26 Novembre, gli impianti della Polisportiva Casier a Dosson hanno ospitato il consueto appuntamento internazionale di Lotta Olimpica organizzato dalla Polisportiva Santa Bona. Sulla materassina si sono sfidate le compagini di Veneto, Croazia ed Emilia Romagna per aggiudicarsi il Trofeo Torresan, mentre la formazione della Polisportiva Santa Bona giovanile ha sfidato una selezione di pari età provenienti da Croazia e resto del Veneto. La formazione veneta era formata per cinque settimi da lottatori trevigiani, Riccardo De Rossi, Nikolay Miglioranza, Dario di Bartolomeo e Davide De Marchi. Subito spettacolo con i padroni di casa contro la formazione di Porec, recentemente vittoriosa nella locale coppa di lega, che si è imposta sulla compagine veneta nonostante il buon inizio con la vittoria di Di Bartolomeo, a seguire gli ospiti Croati hanno imposto la loro vittoria sulla squadra bolognese giunta in rappresentanza dell’Emilia e con una buona dose di lottatori internazionali giunti dalla Moldavia, tra cui il campione del mondo Dimitri Popov. La finalina per il secondo posto ha visto la giovane squadra veneta perdere di misura più per inesperienza che demerito con l’ottima prestazione del giovane Nikolay Miglioranza che ha eseguito il colpo più spettacolare del torneo. Tra le giovani leve da segnalare le prestazioni di Mihai Creciun, giovanissima promessa della lotta a santa bona, Rocco Nucci, fresco bronzo nella coppa italia under 20, Alexsej Miglioranza. Lorenzo Nardino e Leonardo Tobio. Soddisfazione per gli organizzatori della Polisportiva che per il 31° anno di fila sono riusciti a portare la grande lotta a Treviso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trofeo Torresan e Musco, una tradizione che la Polisportiva continua

TrevisoToday è in caricamento