In giro per il mondo nel nome dello sport: le vacanze da sogno di un turista trevigiano

Da Casier agli Stati Uniti passando per Londra. Un viaggio di quasi 24mila chilometri per seguire le partite dell'Nba e della Premier League inglese durante le vacanze di Natale

CASIER Saranno senza dubbio delle vacanze di Natale difficili da dimenticare quelle che il trevigiano Giuseppe Baseggio sta trascorrendo in questi giorni in giro per il Mondo. Superati i trent'anni, avendo un lavoro stabile e nessuna relazione sentimentale, questo giovane trevigiano ha deciso di farsi un autoregalo in grado di soddisfare in maniera unica la sua grande passione per lo sport.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", nel giro di un paio di mesi Baseggio, calendario alla mano, ha pianificato un viaggio che l'ha portato da Treviso fino agli Stati Uniti d'America passando per Londra. Lo scopo della vacanza non era però quello di visitare musei o attrazioni tipiche di questi due conosciutissimi Paesi, bensì vedere nove partite di basket e calcio in tredici giorni attraversando diciotto fusi orari diversi e trascorrendo ben trentadue ore in volo sopra il Mondo. Il viaggio di Giuseppe giungerà al termine questa settimana, dopo essere iniziato a Natale. Due settimane a spasso tra gli stadi e i palazzetti dello sport più celebri del Mondo, rincorrendo i propri atleti del cuore alla ricerca della giocata capace di regalare l'emozione perfetta. Un autoregalo che il trevigiano non rimpiange minimamente di essersi fatto. Il costo complessivo per realizzare il suo sogno ha raggiunto i cinquemila euro ma è una spesa frutto di anni di risparmi e avvenuta dopo aver cercato di risparmiare in ogni modo possibile su alloggi e trasporti. Le partite di Nba e Premier League sono state senza dubbio le più costose ma l'emozione di poter tifare dal vivo i propri beniamini è stata sempre indescrivibile. Non solo svago comunque: la mattina del 3 gennaio, durante la seconda tappa a Londra, Baseggio parteciperà anche a una riunione presso gli uffici della Kenwood, una delle società del gruppo De’ Longhi, unendo così il lavoro agli svaghi personali. Una vacanza che ora sono in molti a invidiargli e che in futuro questo tifoso giramondo sarebbe anche disposto a ripetere ben volentieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Incubo finito, Letizia rintracciata a Piacenza

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Lego in mostra a Treviso: migliaia di mattoncini per una città ecosostenibile

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento