menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giocatrici dell'Villorba Rugby in azione (Foto d'archivio)

Giocatrici dell'Villorba Rugby in azione (Foto d'archivio)

Villorba Rugby, scontro al vertice contro la rivale Bologna

Intervista all'allenatore Francesco Mazzariol pronto a caricare le sue giocatrici per la sfida di domenica 3 novembre contro una delle avversarie più temibili del campionato

L'Iniziative Villorba Rugby saggia le proprie ambizioni nella terza di campionato in casa domenica prossima contro il Bologna capo-classifica alla sua pari. Punteggio pieno per le due formazioni che arrivano a questo match reduci da due affermazioni limpide.

Per rimarcare il proprio stato di grazia ma anche per ribadire che aspirano apertamente ai piani alti della serie B. L'anno scorso fu bilancio in pareggio dei due scontri disputati: vittoria in casa del Villorba e sconfitta dei gialloblù in Emilia Romagna. Il parere di Checco Mazzariol allenatore della formazione villorbese: «Il morale in casa nostra è buono – dice il tecnico del Villorba Rugby – perché siamo partiti bene con due preziose vittorie. Il morale è alto come del resto anche la condizione anche se, ovviamente, non siamo al top. Ci sono certamente dei meccanismi del gioco che vanno messi a posto ma ci vuole tempo e pensare di trovarci in vetta dopo 160 minuti in queste condizioni mi rassicura. Il dato più positivo è che possiamo far conto su una certa stabilità, un certo equilibrio tra i vari reparti. Questo dato è confortante perché, visti i tanti nuovi arrivi, potevamo pagar cara una prima fase di assestamento. Così fortunatamente non è stato e ciò ci dice che abbiamo trovato degli innesti importanti, dei ragazzi su cui fare già affidamento. Andando ai singoli reparti è stato positivo il fatto che, tranne per qualche rara fase di gioco nelle prime due partite, non abbiamo mai subito la supremazia avversaria. Buona la fase di conquista. Nelle riproposizioni offensive ovviamente i meccanismi vanno oleati ma certi automatismi sono già riusciti bene. Segno che nuovi arrivati e vecchie conoscenze si stanno integrando bene. Nota positiva è venuta da parte dei giovani che hanno respirato bene aria di prima squadra e mostrano grande impegno».

Il match contro una diretta rivale per la promozione arriva troppo presto? «Credo che sia inizio di stagione per tutti. Tre o quattro amichevoli e due partite di campionato certo non bastano a dare un vero volto ad alcuna squadra. Quindi direi che siamo potenzialmente alla pari con il Bologna, scendiamo in campo per giocarcela tutta, consapevoli che i meccanismi dei nostri prossimi avversari forse sono un po' meglio rodati vista la confidenza tra giocatori di una ossatura che non è poi così cambiata rispetto lo scorso campionato. Potrebbe essere un vantaggio ma noi, del resto, giochiamo in casa e possiamo (auguriamocelo) far conto sul tifo di Villorba e dei suoi sostenitori. Credo che riusciremo a metterli in difficoltà se la carica emotiva resterà quella delle prime due partite. Abbiamo visionato alcuni video del Bologna e sullo schermo pare una squadra molto “muscolare” che gioca con l'intento di imporsi fisicamente, un po' come è stato per Casale l'anno scorso. Non rivelano un movimento di palla travolgente, capace di metterci in difficoltà, ma hanno per contro la capacità di mettere sotto pressione l'avversario fase dopo fase. Occorrerà quindi essere molto determinati nel respingere la loro pressione perché altrimenti, se stai a subire, prima o poi rischi di trovarteli pericolosamente nei pressi dell'area di meta. Il segreto potrebbe essere quello di impattarli oltre la linea del vantaggio e non farli troppo avanzare. Sono davvero soddisfatto del clima in spogliatoio e attorno a noi. Da oltre 4 anni frequento il Villorba e debbo dire che la qualità morale dell'ambiente è certamente l'aspetto che mi appaga di più e che si riverbera nell'impegno di tutti in campo e in allenamento. Mi fa davvero piacere vedere che i ragazzi ci mettono determinazione ma anche fantasia e che andare in campo mostrano di divertirsi. E' ovvio che se oltre al divertimento arriva il bel gioco ed i punti in palio tutto è ancora più bello»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento