Il Villorba Rugby guarda avanti: a settembre saranno inaugurati i nuovi campi

Nonostante lo stop da Coronavirus il Consiglio direttivo, in ottica la 'cittadella' del rugby, ufficializza i nuovi campi che si affiancheranno a quelli esistenti in via Marconi

Il presidente Giuliano Cesconetto

La difficile contingenza segna profondamente il mondo dello sport e ridisegna scenari fino a poche settimane fa impensabili. Si “reinventano” le aspettative, si riformulano i progetti. Certo è che che lo stop forza ad ogni attività costringe le società sportive tutte, ed in particolare quelle dilettantistiche, a guardare al futuro con molte incertezze. Va controcorrente il Villorba Rugby che ha convocato nei giorni scorsi (rigorosamente via Skype) il proprio consiglio direttivo per fare il punto e tracciare i progetti per il medio termine.

“Tengo a dire che la nostra attività – dice il Presidente Cesconetto – se si ferma obbligatoriamente sotto il profilo sportivo e agonistico, prosegue nel lavoro di tutti i consiglieri, nell'impegno dei tecnici e degli accompagnatori; perché sentiamo la necessità di trasmettere a tutti i nostri atleti, dal primo all'ultimo, che siamo loro vicini, convinti che la passione per il rugby che ci accomuna sarà capace di superare le contingenze. Per farci ritrovare pronti all'appuntamento con il campo, quando a grandi e piccoli sarà dato modo nuovamente di scendere in campo".

Lo stop forzato sconvolge i vostri piani: sia la squadra femminile dell'Arredissima campione d'Italia, sia l'Omar maschile in serie B, al momento dello stop ai campionati erano in vetta alle rispettive classifiche. Ora c'è il rischio concreto che la Federazioni annulli i campionati e vanifichi quello che è stato fatto. Dovrete ricominciare da zero?
“Dipende da come la si vuol vedere. Certo questa stagione sembra destinata a chiudersi con un nulla di fatto. Ma abbiamo capitalizzato esperienza, abbiamo fatto gruppo, abbiamo dimostrato che gli obiettivi delle squadre di vertice sono legittimi. Così se i fatti ci costringeranno a tirare indietro gli orologi, non bisogna scoraggiarci, consapevoli che la forma agonistica e mentale potranno tornare in fretta”.

C'è un intero movimento giovanile che attende di capire come sarà il futuro...
“Sentiamo forte la responsabilità sociale di una società sportiva che opera nel territorio ed entra capillarmente in centinaia di famiglie sul territorio. Ai giovani che giocano, ai bambini, ai ragazzi e ragazze, alle loro famiglie, noi vogliamo far sentire il nostro impegno nel tornare a recitare al più presto il nostro ruolo di punto di riferimento nel tempo libero, nello sport, nella ricerca dei valori in cui crediamo, gestendo un movimento così ampio. Vogliamo ritrovarli tutti, dal primo all'ultimo, sui campi quando ce ne sarà dato modo. Per continuare a fare sport e per far crescere bene la sua cultura”.

Il vostro “calendario” societario sembra essersi cristallizzato...
“Niente affatto. Con il Consiglio direttivo abbiamo deciso che il 26 settembre saranno inaugurati ufficialmente i nuovi campi che si affiancheranno quelli esistenti vicino al campo di via Marconi, la 'cittadella' del rugby alla quale stiamo lavorando da mesi. E' una data simbolica, che speriamo di poter mantenere, una specie di grande appuntamento che idealmente vuole segnare una grande ripartenza, da festeggiare (me lo auguro davvero!) con tanta gente e tanta allegria!”.

Qui di seguito, invece, la lettera aperta che il Consiglio direttivo della società ha voluto inviare agli atleti, alle famiglie e agli sponsor:

Cari amici, la decisione assunta dalla Federazione Italiana Rugby di sospendere ogni attività sportiva e non assegnare i titoli di quest'anno (una scelta condivisa ed obbligata) ci pone di fronte ad una situazione imprevista che, come Consiglio Direttivo, ci richiama a sottolineare la “mission” dell'Associazione Villorba Rugby: quella di rappresentare per il nostro territorio e non solo, un valido punto di riferimento per la pratica sportiva di tanti giovani, coinvolti assieme alle loro famiglie, in un autentico movimento.

Dati alla mano, almeno  un nucleo familiare del nostro Comune su dieci è collegato alla nostra Associazione. Un dato che dà la dimensione del nostro peso. Di fronte a questi dati e nella necessità di dare risposte certe sul futuro societario il Consiglio Direttivo si è più volte riunito nei giorni scorsi (pur se via teleconferenza...) per tracciare nuovi orizzonti. E' ferma in tutti noi la volontà di non disperdere il grande patrimonio umano e sportivo che abbiamo creato con fatica in tanti anni di passione e lavoro.

Ciò sarà possibile solo se dirigenti, accompagnatori, volontari, famiglie si ritroveranno alla ripresa compatte nel gettarsi alle spalle questo lungo e sofferto “black out”. A loro va fin d'ora il nostro ringraziamento per quel che potranno fare unendosi (seppur a distanza) nel tenere viva la passione per il rugby e per i colori gialloblu. Resta prioritario (quando ce ne sarà data la possibilità) il ritorno all'attività di tutte le formazioni, dalle giovanili alle prime squadre.

Facendoci trovare pronti nell'organizzare la ripresa, le sedute tecniche, i momenti di aggregazione, nel dare vita alla nostra Club house oggi deserta ma idealmente popolata da centinaia di ragazzi! Resta ferma la volontà di inseguire i traguardi sportivi che erano in cima alle nostre aspirazioni al momento dello “stop”,. sia a livello di prima squadra maschile (con una caccia alla serie A che per l'Omar è solo rinviata) che a livello femminile (con l'impegno di onorare lo scudetto che le ragazze dell'ArredissimA porteranno ancora per un campionato sul petto).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ripartire da zero non significa azzerare l'entusiasmo, la passione, vuol dire rinsaldare i ranghi. Operazione che potrà riuscire solo se ognuno (per il suo) farà la propria parte! Agli sponsor chiediamo di continuare a sostenerci con il loro vitale supporto, certi di poterli continuare a ripagare con grande visibilità ed impegno. Sarà un'altra grande stagione ricca di appuntamenti! Tra di essi abbiamo indicato la data speriamo non simbolica del 26 settembre per il taglio ufficiale del nastro dei nostri nuovi campi di via Marconi, ancor di più oggi simbolo di  una ripresa. Auguriamoci di ritrovarci tutti pronti quando il Rugby Villorba si rimetterà in moto. E' solo questione di giorni...Un rugbistico abbraccio a tutti!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento