menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine del match (foto Imoco)

Un'immagine del match (foto Imoco)

Grande vittoria a Santo Stefano per l'Imoco: battuta Piacenza 3-0

Pubblico delle grandi occasioni per la sfida alla Rebecchi: in ben 5.300 sugli spalti. Definito anche l'accoppiamento di Coppa Italia con Bergamo

VILLORBA - Santo Stefano con il botto per il pubblico del Palaverde che si riversa in massa per il big match tra le Pantere dell’Imoco e le tricolori di Piacenza che chiude l’andata di regular season: sono in 5.270 a godersi il grande spettacolo del volley e a creare una fantastica cornice per le ragazze in gialloblu’ e per le campionesse d’Italia che si sfidano per un posto al sole nella griglia di Coppa Italia. Con la vittoria di venerdì l’Imoco è quarta e affronterà nei quarti di finale la Foppapedretti Bergamo che è quinta (andata il 1° febbraio a Bergamo, ritorno il 4 al Palaverde).

Coach Negro schiera Barcellini e Ozsoy schiacciatrici, Glass al palleggio con Nikolova opposto, Adams e Barazza centrali, De Gennaro libero. Si inizia già con alta intensità, muri e difese protagonisti. Jenny Barazza, attivissima in avvio, inchioda a muro il 6-6, tentativo di fuga di Piacenza che va 6-8 con il muro di Sorokaite, ma prima Glass, poi ancora mamma Jenny allungano i tentacoli e si resta a braccetto, 9-9. Un ace di Sorokaite manda al t.o. tecnico le ospiti avanti 10-12, poi pericolo sul 10-13, ma ci pensa un ace di Nikolova (oggi è il suo compleanno!) e una staffilata di Ozsoy per pareggiare. L’eterna Leggeri trova la riga (13-15) con il servizio, ma Neriman risponde di forza. La squadra di Chiappini rischia molto con la battuta concedendo anche qualche errore, ma il muro delle ospiti tocca molti palloni e si resta in equilibrio. Dopo scambi infiniti una botta di Ozsoy e un ace di una Barazza ispiratissima tengono Conegliano in parità, poi arriva un altro muro, stavolta firmato Adams, ed esplode il Palaverde sul 20-19 che costringe Piacenza al time out. Muri e battute sono protagonisti di questo set da scintille, con l’ace di Nikolova c’e’ il minibreak, 22-20, poi 23-21 (ancora Emy). Difesa di Piacenza eccezionale, e le tricolori pareggiano, arriva il time out di Conegliano. Aly Glass inventa “di prima” il 24-23, poi Jenny Barazza mura ancora ed è 25-23, primo set alle Pantere e i 5000 del Palaverde in visibilio.

Secondo set, si parte con due errori al servizio della squadra gialloblu’, ma il muro della squadra di coach Negro, che sfida il suo “maestro”Chappini, stasera funziona benissimo e in un batter d’occhio da 2-4 si va al pareggio. Continua la battaglia in una gara dove la palla sembra non cadere mai. Cris Barcellini mette giu’ il 7-7. Il gioco dell’Imoco è veloce e frizzante, Barazza colpisce ancora in primo tempo, poi si rivede il braccio armato di Ozsoy (11-10), ma Van Hecke e Di Iulio rispondono sempre colpo su colpo e si va al t.o. tecnico con il 12-11 per l’Imoco. La gara è entusiasmante, pochi errori e tante prodezze, individuali e di squadra, in campo si picchia forte e si difende alla morte, con Nikolova che si esalta (tuffo in difesa e schiacciata vincente), Ozosy che è una sicurezza e De Gennaro che regala palloni extra alle sue contrattaccanti: proprio la turca firma il 19-18, poi Glass si mette in proprio e inventa il 20-18, time out di Chiappini. Ancora straordinaria la squadar di Negro che nel finale mette il turbo, sale 23-19, poi sul 24-20 Piacenza annulla un set ball, ma viene condannata dall’errore di Angeloni e vola 2-0 con il 25-21 finale.

La Rebecchi patisce il doppio k.o. e l’Imoco con i muri di Adams torna in campo dettando legge: 4-1, ma Sorokaite e compagne si riprendono bene, bel turno in battuta della lituana, un muro della neoentrata Vargas e le ospiti sorpassano 4-5. Torna il “solito” equilibrio che contraddistingue questo big match di Santo Stefano, con le Pantere che guidate da Moki De Gennaro difendono il possibile e anche di più, con Ozsoy che concretizza, 11-9, poi 12-10 con Neriman in grande evidenza. Barcellini, precisa la sua prestazione, e Adams tengono avanti la squadra di coach Negro (15-12) e la spinta del pubblico si fa sempre più forte. Ace di Glass con l’aiuto del nastro per il 18-14. Una serie di Wilson avvicina pericolosamente le ospiti, 19-18, Conegliano chiede time out, ma Vargas pareggia a muro, 19-19, tutto da rifare. Ci pensa il muro, fondamentale decisivo stasera, prima Ozsoy (saràMVP con 19 punti) poi altissima Adams e si torna avanti, 22-19, all’ultimo sprint. C’e’ anche Fiorin in campo nel finale, quando esplode il Palaverde per il 25-21 che firma un fantastico 3-0 nell’ultima partita di andata e del 2014.
Ora l’Imoco puo’ bribdare, e si torna al Palaverde il 3 gennaio alle 20.30 con Il Bisonte dell’ex capitana Calloni.

Nicola Negro, coach Imoco Volley: “Abbiamo giocato una grande partita, benissimo in difesa e a muro. 15 muri punto in una gara di tre set sono tanti e tenere Piacenza sotto il 35% in attacco significa che abbiamo giocato una gara attenta e speciale in questi fondamentali che sono risultati decisivi. Sia noi che Piacenza non siamo ancora al meglio, ma è stata una bella gara e sono contento per un successo che ci rilancia e dà tanto entusiasmo a noi e al nostro meraviglioso pubblico. Per me non è stata una partita normale contro il mio “mentore” Chiappini con cui ho diviso sette anni di carriera, ma nello sport è così.”

Alessandro Chiappini, coach Piacenza: “Loro hanno giocato una grande gara, forse la migliore della loro stagione, con un ottimo muro. Noi abbiamo giocato non bene nei momenti decisivi, peccato, ma dobbiamo migliorare tanto se vogliamo essere tra le grandi del campionato. L’allievo ha battuto il maestro? Eh, stavolta si, complimenti a Nicola Negro.”

Emy Nikolova, opposto ImocoVolley, oggi 11 punti: “Bellissima partita, il giorno del mio compleanno con così tanta gente che mi chiamava, mi incitava, mi faceva gli auguri, fantastico. Abbiamo fatto una bella partita contro una squadra che ci assomiglia molto, anche per questo c’erano scambi lunghi, siamo molto simili. Ma oggi siamo state più forti noi, abbiamo giocato unite, aiutandoci molto e stando sempre compatte, spero sia da qui in poi una costante perchè giocando così siamo veramente forti.”

IMOCO CONEGLIANO – REBECCHI PIACENZA 3-0 (25-23,25-21,25-21)

Imoco: Ozosy 19, De Gennaro, Adams 7, Glass 5, Nikolova 11, Barcellini 6, Barazza 6, Fiorin 1. Boscoscuro ne, Furlan ne, Katic ne, Nicoletti ne. All. Negro
Rebecchi: Valeriano, Sorokaite 14, Van Hecke 14, Di Iulio 8, Angeloni 1, Leggeri 2, Vargas 4, Wilson 8, Dirickx 3, Poggi ne, Brussa ne, Caracuta ne. All. Chiappini
arbitri: Pozzato e Prati
spettatori: 5.270
durata set: 27′, 28′, 28′, tot 83′ – MVP: Ozsoy
Note: Imoco Volley muri 13 (6 Adams), aces 3, errori battuta 5. Rebecchi muri 8 (Sorokaite e Van Hecke 2), aces 4, errori battuta 12.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento