rotate-mobile
Volley

Playoff A1 femminile, l'Imoco riparte con la serie di semifinale contro Novara

Anche questo turno si gioca al meglio delle tre gare. Le pantere partono favorite ma occhio all'entusiasmo delle piemontesi. Santarelli: «Dobbiamo partire subito bene»

Il riposo, meritato per aver chiuso in maniera "very fast" la pratica Busto Arsizio, sta per esaurirsi. Per la Prosecco Doc Imoco Conegliano è tempo di tornare in campo: stasera alle 20:30 si apre la semifinale scudetto e sarà la grande classica del volley italiano. Al PalaVerde arriva una Igor Novara ancora sconvolta dalla tragedia che l'ha colpita ma nello stesso tempo entusiasta e convinta dei propri mezzi dopo l'impresa netta e convincente ai danni di Chieri, che aveva il vantaggio del miglior posizionamento in classifica. Le pantere dunque partono con i favori del pronostico ma dovranno stare attente proprio all'entusiasmo delle piemontesi, che scenderanno in campo piuttosto agguerrite. Si prevedono due o tre tappe intense (gara due si gioca sabato 29 a Novara, il 2 maggio l'eventuale gara di spareggio nuovamente a Villorba), chi si aggiudica la prima può avere un notevole vantaggio.

Tre sono le ex in campo, tutte tra le fila delle azzurre: Mckenzie Adams, Anna Danesi, Eleonora Fersino.

Infine 46 sono i precedenti totali: 33 sono le vittorie di Conegliano, 12 quelle di Novara. 

LA VIGILIA DEL COACH

Così Daniele Santarelli si prepara a guidare la sua squadra in quest'altro importantissimo appuntamento: «La sfida con Novara è sempre speciale, in questi anni come andiamo ormai ripetendo spesso ci siamo giocati tanti trofei, finali e semifinali di ogni genere, partite memorabili sia in positivo che in negativo, è sempre un piacere e uno stimolo supplementare giocare contro di loro. Sono contento di ritrovarli in una sfida stavolta diversa da quelle giocate fin qui in questa stagione. Questa non è una gara secca come la Supercoppa o la Coppa Italia, ma una serie che si preannuncia combattuta fin dall’inizio. Gara1 sarà fondamentale per questa serie, noi in casa non possiamo sbagliare, ma sappiamo che Novara arriverà combattiva dopo i successi con Chieri che ci hanno mostrato una squadra in salute con tante individualità importanti e alternative valide che possono cambiare il match anche venendo dalla panchina».

Chiaro l'imperativo: «Vogliamo sfruttare il fattore campo e portare il primo punto in carniere, ci vorrà l’aiuto del nostro pubblico che ci spinge sempre con calore, ma soprattutto ci vorrà una squadra che interpreti la partita in maniera aggressiva, partendo dalla battuta che quest’anno ci ha visto altalenanti o da altri fondamentali come l’attacco dove dobbiamo limitare gli errori. Se sbagliamo poco non abbiamo paura di nessuno, se siamo fallose invece diventiamo vulnerabili, quindi in un match di questo livello dobbiamo sbagliare poco, ma giocando con aggressività, non è facile, ma se vogliamo ottenere grandi risultati contro avversarie forti come Novara dobbiamo dare il massimo». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Playoff A1 femminile, l'Imoco riparte con la serie di semifinale contro Novara

TrevisoToday è in caricamento