rotate-mobile
Volley

L'Imoco Volley scivola al tie break nell'anticipo dell'undicesima giornata e perde la sua lunghissima imbattibilità

Firenze si dimostra più cinica e riesce a violare il PalaVerde dopo un'autentica maratona. Non bastano i 34 punti di Egonu

"Ciò che abbiamo fatto è incredibile, ciò che faremo da oggi in avanti sarà leggendario". Così recita l'ultimo post sul profilo Facebook della Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano, che nell'anticipo dell'undicesima giornata ha perso in casa 3-2 contro il Bisonte Firenze e si è vista fermare a 76 vittorie consecutiva la striscia positiva che durava oramai da tempo immemore. Prima o poi doveva accadere un fatto simile, ma forse si è verificato nella maniera più inaspettata: quella di Massimo Bellano si è dimostrata una squadra determinata e cinica e alla fine, al termine di una maratona che verrà ricordata a lungo specialmente in Toscana, è riuscita a violare il PalaVerde grazie in particolar modo ad una super Nwakalor (24 volte a segno). Tra le fila delle pantere, a cui l'orgoglio non è certamente mancato, non sono stati sufficienti i 34 punti realizzati da Paola Egonu, senza dubbio l'ultima ad arrendersi. 

LA PARTITA - Daniele Santarelli ha mandato in campo in avvio la seguente formazione: Gennari-Egonu, Folie-Vuchkova, Sylla-Courtney, libero De Gennaro. 

Firenze dimostra sin dall'ìnizio di essere particolarmente in palla e parte subito all'attacco, portandosi sul 5-10 grazie ad un buon servizio. Belien e Nwakalor insistono su questo fondamentale e allungano ancora il passo (10-18). Egonu ci prova, ma la situazione per le pantere non migliora e ancora Nwakalor regala sei palle set alle ospiti (18-24). Egonu però non si arrende e mette in fila quattro punti consecutivi di cui due in battuta (22-24), ma Sorokaite non trema e trova il diagonale del 22-25.

Conegliano vuole il riscatto e si porta subito sul 4-2 ad inizio secondo parziale, ma Van Gestel non mostra alcun timore reverenziale e rovescia il risultato con una combinazione letale attacco - ace (5-6). Attenzione però ad Egonu e Courtney, che siglano un break importante (15-12). Van Gestel dai nove metri accorcia ancora (15-14), ma Egonu tiene su con delle iniziative personali le venete. Firenze non molla e riesce a confezionare il controsorpasso con Cambi (18-19). L'attacco di Van Gestel vale i vantaggi, risolti ancora dalla più forte giocatrice oggi al mondo, vale a dire Paola Egonu, che chiude il set su un incredibile 30-28.

La squadra gialloblù è galvanizzata e prende campo grazie al muro (13-8). Se ne accorge Nwakalor, che viene stoppata da Sylla (21-15). A farla da padrona ora sono gli errori: ne commettono meno le ragazze di Santarelli, che si aggiudicano in maniera assai netta il terzo set e sembrano volare verso l'ennesima vittoria (25-16).

Non sarà così perchè le bisontine non sono per nulla intenzionate a recitare il ruolo di agnello sacrificale. Il muro a tre azzurro si dimostra efficacissimo e sarà sempre Nwakalor a segnare il primo strappo (4-7). Le pantere ovviamente non cedono e Folie è abile a murare Nwakalor (9-10). Fuoriosa la reazione delle fiorentine: Van Gestel e alcuni errori giallobù fanno schizzare il punteggio sull'11-15. Tutto finito? Non proprio, perchè Conegliano riuscirà ancora a rimettere in equilibrio le sorti del confronto (16-16). Si va avanti punto a punto fino a che Belien non mette le compagne in posizione favorevole (21-23). Egonu annulla il set point e si va nuovamente ai vantaggi, che terminerà con l'ace di Sorokaite sul quale però è determinante l'errore della ricezione avversaria. 25-27 e si ricomincia nuovamente daccapo.

Si va dunque al tie break dove l'equilibrio resta fino al 6 pari. Sorokaite fa ancora centro dai nove metri mentre Sylves è letale al centro (7-10). Santarelli le prova tutte chiamando il time out e Sylla riporta sotto Conegliano (9-10). Belien stoppa sottorete Sylla (10-12) e il successivo pallonetto ancora di Sorokaite fa sognare Firenze (10-13). Sarà sempre il capitano a concretizzare l'ultimo attacco malgrado l'ultimo tentativo dei gialloblù: 12-15 e sconfitta oramai inevitabile, ma per queste incredibili ragazze sono solo applausi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Imoco Volley scivola al tie break nell'anticipo dell'undicesima giornata e perde la sua lunghissima imbattibilità

TrevisoToday è in caricamento