rotate-mobile
Volley

La crudeltà dei play-off di Serie B1: a Castelfranco Veneto il sogno è finito

Azimut Giorgione costretta a rinunciare alla promozione in A2 dopo la vittoria di ieri della Focol Legnano a Garlasco

Solo mi farai felice se sarai crudele con me: termina in questo modo la canzone “Crudele” di Mario Venuti, una strofa con cui l’Azimut Giorgione non è decisamente d’accordo. La formazione di Castelfranco Veneto ha testato sulla propria pelle la crudeltà sportiva, quella dei play-off promozione che avrebbero potuto regalare alle rossoblu il salto agognato in A2. Un obiettivo che l’Azimut avrebbe meritato per come è andata l’intera stagione, ma vanificato in parte da una formula particolare per quel che riguarda proprio i play-off.

Le castellane si sono presentate all’appuntamento da grandi favorite: il regolamento di quest’anno ha previsto dei mini-gironi da tre squadre, con una prima, una seconda e una terza classificata dei vari raggruppamenti della regular season. Il Giorgione è arrivato primo nel girone B, incassando due sole sconfitte stagionali (una delle quali ininfluente), la seconda classificata era Garlasco, mentre la terza Legnano. Proprio quest’ultima ha conquistato la Serie A2, con merito ma anche grazie a questa formula così singolare. I numeri non avrebbero mai fatto pensare a una conclusione del genere.

Bisogna infatti ricordare che l’Azimut ha conquistato 63 punti sui 72 disponibili grazie a 22 vittorie su 24, mentre Garlasco ne ha totalizzati 57 (frutto di 20 vittorie e 4 ko). La Focol ha invece concluso la stagione regolare con 50 punti in seguito alle 16 vittorie e alle 8 sconfitte totali. Ai play-off, però, tutto questo non ha avuto alcun peso. Le legnanesi hanno preparato nel minimo dettaglio la gara col Giorgione, rimontando il primo set e vincendo il match, concedendo il bis ieri con un altro 3-1 ai danni di Garlasco. La sfida della prossima settimana tra Azimut e pavesi sarà quindi inutile.

La formula scelta dalla Fipav verrà messa da parte nella prossima stagione, un’ulteriore beffa oltre al danno (si parla della promozione diretta per le prime classificate). Paradossalmente, se ci fosse stato il regolamento della stagione 2023-2024, il club di Castelfranco Veneto avrebbe dovuto attendere con pazienza la finale di questi spareggi senza passare per vie tortuose e complesse. Come ha ricordato la stessa Azimut, comunque, il volley rimane uno sport da play-off e il verdetto del campo va accettato, crudele o meno che sia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crudeltà dei play-off di Serie B1: a Castelfranco Veneto il sogno è finito

TrevisoToday è in caricamento