rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Volley

Parte male la finale scudetto di Conegliano: Scandicci fa l'impresa e vince 3-2

Ci vuole il tiebreak per decretare la vincitrice di gara 1: il 13-8 sciupato dalle pantere al quinto set grida vendetta. Bisognerà ora vincere in trasferta per tornare in corsa

E' proprio vero: il più delle volte l'assioma secondo il quale vince sempre chi è più forte (almeno sulla carta) viene sconfessato. Alla vigilia la tavola per una partenza lanciata nella serie che assegna lo scudetto sembrava apparecchiata, ma ben presto la Prosecco Doc Imoco Conegliano ha dovuto fare i conti con l'amara realtà. 

La Savino Del Bene Scandicci si è dimostrata, e farà di tutto per continuare a dimostrarlo, di essere una degna rivale per il titolo ed è riuscita nell'impresa di infliggere alle pantere la prima sconfitta casalinga della stagione, la seconda nelle ultime tre partite.

In particolar modo è il tie break a gridare vendetta: le ragazze di Santarelli erano in vantaggio per 13-8 e già pensavano a festeggiare, ma hanno subito una clamorosa rimonta soprattutto per merito di Ekaterina Antropova, strameritatamente MVP con ben 31 palloni messi a terra. 

La strada ora si fa in salita: per riequilibrare la serie Wolosz e compagne dovranno mettere da parte timori e stanchezza e andare a vincere sabato prossimo a Firenze. Cosa tutt'altro che facile. 

La partita

Il sestetto iniziale prevede Wolosz-Haak, Robinson Cook-Plummer, Fahr-Lubian, libero Moki De Gennaro.

Che la serata non sia di quelle agevoli per le padrone di casa lo dimostra la partenza bruciante delle biancoblù, che vanno sul 5-9 con Antropova e Zhu. Il pari arriva al 10 con Plummer, la migliore delle gialloblù, che passano a condurre 12-10 con Fahr. Dall'altra parte c'è una Zhu Ting che colleziona mani out a raffica per il nuovo sorpasso (13-14). Lubian non sta a guardare e siglia a muro il 20-18. C'è però un'Antropova mai doma che rimette il punteggio in parità (20-20). Ancora +2 Conegliano con Plummer (22-20), Antropova risponde ancora da par suo (22-23). Il break decisivo è di Scandicci: chiude ancora l'azzurra con il turno al servizio che significa 22-25.

A caricarsi le venete sulle spalle è Lubian, protagonista del primo break significativo della seconda frazione (11-5). Haak e Plummer mantengono il vantaggio (18-13), poi sono ancora gli ace di Lubian a togliere alle avversarie ogni possibilità di tornare in gara. 25-16 e si riparte dall'uno a uno.

Tutto sembra presagire ad un cambio totale di inerzia nella terza frazione, con il 7-1 firmato Haak - Fahr. Herbots si scatena e la Savino Del Bene si riavvicina sensibilmente 11-10. La suddetta coppia riesce a mantenere il vantaggio alle pantere (19-17), che però sono costrette a subire i colpi di Herbots (22-23). Antropova riesce a chiudere (22-25) e Scandicci torna di nuovo avanti.

Herbots è la grande primattrice anche ad inizio quarto set (6-10), Plummer riesce con grande carattere a dimezzare (12-14). Bugg, neo entrata, fa sperare Conegliano (13-14), l'ace di Ognenovic e il tocco di Antropova allargano di nuovo la forbice (13-17). Lanier e Wolosz, nel frattempo rientrata, permettono alle pantere di tornare a contatto (17-18), poi è Haak a trovare il pari al 18. Fahr e la stessa Haak alzano il muro per il 21-19, Antropova rimedia ancora con un ace (21-21). Succede di tutto nel finale: Herbots guadagna il match point, Haak lo annulla e si va ai vantaggi (24-24). A decidere sono due muri: 26-24 e giochi rimandati al tie break. 

Le pantere cercano di sfruttare questo vantaggio portandosi sul 2-0. L'ace di Zhu pareggia i conti (3-3), Lubian fa 5-3. Capitan Wolosz alza il muro e guadagna il cambio di campo (8-4), poi è Haak a murare Zhu (11-7). Si arriva dunque al fatidico 13-8, ma il vantaggio si assottiglia progrsssivamente con Zhu (13-10), poi con degli errori in attacco ripetuti (13-12). Finale da infarto: Antropova fallisce dai nove metri (14-12) ma le biancoblù, con la nazionale e un errore di Haak, riescono nell'impresa di annullare entrambi i match point (14-14). A risolvere la situazione Washington ed Herbots per un incredibile 15-17. 

Il tabellino

PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO.SAVINO DEL BENE SCANDICCI 2-3
(22-25, 25-16,22-25,26-24,15-17)
Prosecco DOC Imoco: Wolosz 5, Haak 14, Lubian 13,  De Gennaro (L), Fahr 8, Lanier 1, Robinson Cook 12, Plummer 15, Gennari, Bugg, Bardaro, De Kruijf ne, Piani ne, Squarcini NE. All. Santarelli
Savino Del Bene: Alberti, Herbots 14, Zhu Ting 16, Villani, Ruddins 1, Ognjenovic 3, Psrrocchiale (L), Nwakalor 5, Washington 6, Carol 4, Antropova 31, Diop 1, Armini ne. All. Barbolini
Arbitri: Pozzato e Zavater
Spettatori: 5081
Durata set: 26′,24′,26′,29′,23′
Note: Errori in battuta Co 13, Sc 11; Aces: 8-9; Muri: 14-7; Errori attacco: 12-8
MVP: Antropova

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte male la finale scudetto di Conegliano: Scandicci fa l'impresa e vince 3-2

TrevisoToday è in caricamento