XV giornata europea dei diritti del malato il 5 e 6 maggio

Anche Cittadinanzattiva Treviso parteciperà con il dottor Francesco Rocco, medico e divulgatore scientifico, sulle problematiche della sussidiarietà sociale e sanitaria.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Anche un trevigiano il 5 e 6 maggio 2021 parteciperà ai lavori della XV Giornata Europea dei Diritti del Malato (EPRD) organizzata da Active Citizenship Network (ACN), rete alla quale partecipa l'associazione italiana di promozione sociale, Cittadinanzattiva, che ha una sua organizzazione pure nella Marca Trevigiana (Cittadinanzattiva Treviso). L'interlocutore trevigiano in questione è il dottor Francesco Rocco, medico, che oggi collabora, in qualità di volontario, nella struttura trevigiana e regionale di Cittadinanzattiva. Nello specifico, Cittadinanzattiva Treviso è l'associazione che opera per la difesa dei diritti di cittadinanza, di relazione e sociale di tutti i cittadini. A Treviso, ad esempio, la onlus è impegnata da anni nella gestione del Tribunale dei Diritti del Malato e nel 2021 ha attivato un "Punto Fragilità" che si occupa delle persone disabili, dei malati cronici, di malattie rare e di persone con disturbo del comportamento. In questi giorni, inoltre, Cittadinanzattiva Treviso ha partecipato con alcuni suoi volontari alla costituzione di un'associazione di volontariato, "La rete di Malachia", che opera sul tema del post vention (ossia il sostegno fornito a quanti hanno perduto una persona cara) di emergenza sulle persone, sulle famiglie e sulle comunità, collegate a morti difficili e impattanti, come suicidi, omicidi, morti sul lavoro o incidenti stradali. Il progetto è collegato all'attività del "Tavolo per la prevenzione dei gesti suicidari della provincia di Treviso contro le gesta suicidarie" e nel corrente mese di maggio 50 volontari parteciperanno alla formazione relativa, curata dall'Ulss 2 della Marca Trevigiana. Per quanto riguarda la Giornata Europea dei Diritti del Malato 2021, essa si svolgerà in streaming il 5 e 6 maggio e sarà concentrata sull'importanza e l'impegno delle organizzazioni di pazienti e cittadini, operanti nei vari Paesi europei, per affrontare le minacce sanitarie, transfrontaliere, attuali e future, a cominciare dal Covid-19. "Secondo Active Citizenship Network - spiega Francesco Rocco di Cittadinanzattiva Treviso - il Covid ha messo a dura prova i sistemi sanitari dei vari Paesi europei, ma non solo. Il più importante e difficile effetto da accettare, per i cittadini di tutto il mondo, è la limitazione all'accesso ai diversi servizi sanitari. Occorre quindi pensare e trovare soluzioni alternative in grado di dare continuità e qualità alle politiche della sussidiarietà sociale e sanitaria. Inoltre, la pandemia ha colpito e condizionato, e continuerà a farlo per lungo tempo ancora, l'economia e il commercio internazionale, e con esso la qualità della vita e la sicurezza di milioni di persone. Non esistono più problemi locali da isolare, le sfide sono ampiamente globali. Basti pensare, ad esempio, a ciò che sta succedendo sul fronte pandemia in India o in Brasile, e l'impatto che questo comporta anche per l'Italia". Tutta la documentazione predisposta per la XV Giornata Europea dei Diritti del Malato è disponibile al link: https://www.cittadinanzattiva.it/progetti-e-campagne/europa/14000-giornata-europea-dei-diritti-del-malato-2021.html

Torna su
TrevisoToday è in caricamento