"Hai già fatto l'amore?", adescamenti e sesso orale lungo il Piave in pieno giorno

"Un gruppo di cinque o sei uomini hanno incominciato a seguirmi stando a pochi metri di distanza da me. Uno di loro mi ha detto che ero molto carino e mi ha chiesto se volevo trascorrere un po' di tempo insieme a lui..."

 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Adescamenti e richieste di sesso orale lungo il Piave in pieno giorno. E' accaduto lunedì poco prima delle 19 lungo l'argine del Piave a Spresiano il località Palazzon. E' quanto ci racconta Alessio Braido, 19enne di Spresiano: "Stavo passeggiando da solo lungo il Piave quando ho notato che alcune persone, un gruppetto di cinque o sei uomini tra i cinquanta e sessant'anni, mi stava osservando. Io all'inizio non ci avevo fatto caso poi ho visto che hanno incominciato a seguirmi stando a pochi metri di distanza da me". Il giovane ha cercato di seminarli ma è stato raggiunto da un uomo che con una scusa ha incominciato a parlargli: "Mi ha detto che ero molto carino - afferma il 19enne di Spresiano - e mi ha chiesto se volevo trascorrere un po' di tempo insieme a lui, facendomi intendere che desiderava fare del sesso orale con me. Io gli ho risposto che non mi interessava e mi sono allontanato".

Ma il tentativo di adescamento non è terminato qui. Alessio Braido continuava ad avere gli occhi addosso del gruppo di uomini e ha deciso di filmare tutto con il suo smartphone. Quando ha raggiunto l'auto e se ne stava per andare ecco l'ultimo approccio: "Hai già fatto l'amore?". Un uomo sulla sessantina chiede ad Alessio del sesso e prima di allontanarsi decide di "disegnare" una forma fallica sullo specchietto dell'auto. I video di Alessio finiscono in rete tra i commenti social dei cittadini di Spresiano. "Una situazione già nota da tempo quella nella zona Palazzon - afferma il sindaco di Spresiano Marco della Pietra - Non voglio in alcun modo giudicare gli orientamenti sessuali di nessuno ma questi sono atti gravi perchè non vogliamo che fatti di questo tipo si possano verificare anche a danno di minori e quindi ho già provveduto a segnalare il fatto alle forze dell'ordine".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento