Al Canova parte un nuovo punto tamponi: "Sarà attivo dalle 7.30 alle 22.30"

Anche l'Ulss 2 ha immediatamente recepito l'ordinanza del Governatore Zaia che richiede tamponi obbligatori per i vacanzieri che rientrano da determinati Paesi esteri

Come già avvenuto per lo scalo veneziano del Marco Polo anche all'aeroporto Canova di Treviso a giorni entrerà in funzione il nuovo punto tamponi per coloro che rientrano in Italia dai Paesi esteri oggi considerati ad alto rischio per i contagi (come Spagna, Malta, Inghilterra, Grecia e Croazia). "Con questo servizio andiamo a colmare un vulnus normativo - afferma il Dg dell'Ulss 2 Francesco Benazzi - Per questo entro pochi giorni, nel parcheggio A appena di fronte l'aeroporto, andremo a realizzare una tensostruttura per i tamponi ai viaggiatori. In caso di ritardi nei lavori inizieremo comunque le operazione con il nostro camper. Ciò detto, saremo operativi dalle 7.30 alle 22.30 con tre infermieri e 2 amministrativi, anche perché giornalmente lo scalo trevigiano conta dalle 800 alle mille presenze in transito".

"Il tampone non è però stato reso obbligatorio per tutti i vacanzieri per un atto di fiducia nei confronti dei cittadini, ci fidiamo della loro collaborazione e responsabilità, ma operatori sanitari di ospedali ed Rsa, oltre agli Oss, che dovessero rientrare dall'estero saranno tamponati obbligatoriamente prima di rientrare a lavoro, questo nelle 24 ore prima e con un test antigenico o molecolare - continua Benazzi - In ogni caso abbiamo raddoppiato il personale per il contact tracing (circa 30 persone, ndr.), tanto che oggi abbiamo la possibilità di rintracciare circa 100 persone al giorno per un valido aiuto nell'eventuale isolamento dei contagiati".

Si parla di

Video popolari

Al Canova parte un nuovo punto tamponi: "Sarà attivo dalle 7.30 alle 22.30"

TrevisoToday è in caricamento