Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bonus da 600 euro anche per gli agenti di commercio trevigiani

In totale gli agenti trevigiani di Confcommercio penalizzati nei fatturati a causa del lockdown hanno potuto contare su un pacchetto di aiuti di oltre 3mila euro

 

Grazie all'intervento di Fnaarc, anche gli agenti e rappresentanti di commercio (circa 500 in provincia) sono rientrati nella platea delle categorie professionali destinatarie dell’indennità di 600 euro, prevista dal Dpcm “Cura Italia”, cui si aggiungono il contributo a fondo perduto elargito dall'Agenzia delle Entrate e le erogazioni straordinarie Enasarco (Cassa di previdenza della categoria) per un importo massimo di mille euro. In totale, quindi, gli agenti penalizzati nei fatturati dal lockdown hanno potuto contare su un pacchetto di aiuti di oltre 3000 euro (ovviamente se in possesso dei requisiti). Tutto questo grazie al tempestivo e decisivo intervento di Fnaarc che si è spesa per far rientrare la categoria, inizialmente esclusa, nella platea dei destinatari.

Somme che certo non compensano del tutto la perdita di fatturato - spiega il presidente Fnaarc Antonello Peatini – “ma che aiutano gli agenti che lavorano in settori economici penalizzati dal coronavirus a ripartire ed a superare l’emergenza liquidità. La nostra categoria - prosegue - ha andamenti diversificati. Si è difeso bene chi lavora nell’ICT, nell’informatica e nella sicurezza, che col lockdown ha avuto addirittura incrementi di fatturato, mentre chi lavora con aziende del settore moda e sport, nell’ottica, nella contattologia, ha avuto cali dell’ordine del 30%. La meglio l’hanno avuta gli agenti del comparto "telefonia" che nel periodo Covid hanno erogato servizi e soluzioni aziendali per lo smartworking. Si difendono i promotori finanziari: quelli aderenti alla Fnaarc confermano che si sta elevando l’esigenza di poter contare, soprattutto nei momenti di crisi, su “persone di fiducia” che possano aiutare a proteggere i risparmi di una vita. La nostra professione - conferma Peatini- ha superato lo choc da Coronavirus con buoni risultati e ritengo possa ancora rappresentare uno sbocco proficuo per un giovane. I fatturati sono variabilissimi e dipendono dal settore.  I redditi medi si aggirano attorno ai 30/40/50 mila euro/anno. Enasarco eroga pensioni sostenibili e servizi di welfare. Si lavora con un vero e proprio ufficio portatile e si viaggia molto: il futuro sarò segnato dalla capacità di utilizzare bene la tecnologia, gli strumenti di comunicazione digitali e la multicanalità. Il contatto fisico e il rapporto fiduciario con i clienti restano ancora fondamentale: lo smart working non è una soluzione per tutti».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento