Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fanno il bagno dentro la fontana della piazza, il sindaco: «Vanno denunciati»

Domenica mattina, 26 luglio, in piazza Vittorio Emanuele II a Pieve di Soligo, tre giovani si sono tuffati nella fontana per poi fuggire a bordo di una piccola utilitaria grigia

 

«Episodi del genere non possono essere classificati solo come ragazzate: vanno multati e denunciati perché dannosi all'intera comunità». Il sindaco di Pieve di Soligo,  Stefano Soldan, commenta con queste parole il gesto di tre giovani che domenica, verso le 7.30 di mattina, sono arrivati in piazza Vittorio Emanuele II e hanno fatto il bagno nella fontana del paese.

I tre giovani sono stati filmati da un passante che non ha avuto la prontezza di chiamare subito i carabinieri ma ha girato il breve filmato al sindaco Soldan. «Solo due dei tre giovani sono entrati in acqua - spiega il primo cittadino - Il bagno nella fontana non è durato più di un minuto e mezzo: i due giovani hanno messo i piedi in acqua e si sono subito allontanati a bordo di un'utilitaria di colore grigio. Un gesto che vogliamo condannare duramente. Ho informato le forze dell'ordine dell'accaduto». I filmati delle videocamere di sorveglianza stanno venendo esaminati in queste ore. La speranza è quella di poter identificare la targa del mezzo e risalire all'identità dei tre giovani che saranno multati e denunciati. «Non possiamo correre il rischio che episodi simili continuino ad accadere in paese perché i giovani pensano di poterla fare franca. Vanno presi provvedimenti immediati» conclude il primo cittadino.

Il bagno dei tre giovani nella fontana di Pieve di Soligo (Foto e video inviati dal sindaco Stefano Soldan)

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento