rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024

Da giorni scorrazzava nel parcheggio dei condomini: acciuffato il coniglio "fuggitivo"

Giovedì alle 17 le guardie eco-zoofile trevigiane sono finalmente riuscite a catturare un bel coniglietto nano che ormai da qualche giorno si aggirava per via Everest a Santa Bona

Tre lunghe ore di continua "caccia" al coniglio. Questo quanto affrontato,giovedì tra e 14 e le 17, da alcuni residenti di via Everest a Santa Bona e da tre guardie eco-zoofile trevigiane. Già da alcuni giorni, infatti, diverse persone avevano notato un bel coniglietto nano dal pelo beige e dal contorno occhi color nero aggirarsi per il parcheggio antistante le piscine comunali, ai cosiddetti "palazzoni rosa". Il pelosetto, però, si è sempre mosso alla "velocità della luce", scappando ad ogni tentativo di presa messa in atto. Questo fino a quando verso le 14.30 di giovedì, dopo una segnalazione di TrevisoToday, sul posto non sono intervenute le "Guardie per l'Ambiente" di Treviso che, tra gli altri, oggi gestiscono anche i coniglietti della Penisola del Paradiso.

Fermare la corsa del coniglio (probabilmente domestico e per questo disorientato) non è stata però impresa facile visto che continuava a scorrazzare libero tra le auto parcheggiate e i giardini privati della zona. Fortunatamente, però, grazie annche alla collaborazione di tutti i presenti, verso le 17 il piccoletto è stato finalmente fermato grazie a delle apposite reti. Il "fuggitivo", ritrovato sottopeso in quanto ormai all'esterno da diversi giorni, è ora stato preso in gestione dalle Guardie che provvederanno a controllare l'eventuale presenza di un microchip prima di darlo in adozione. L'ipotesi più probabile, però, è che il piccoletto sia stato abbandonato da qualcuno in zona visto che, nonostante i giorni passati all'addiaccio, nessuno nel quartiere ha ancora rivendicato la sua scomparsa.

AGGIORNAMENTO ORE 20.30:

Il piccolo, in serata, è stato riconsegnato dalle guardie ecozoofile alla sua famiglia in viale Italia. Dopo alcuni controlli, infatti, è risultato che lo stesso era stato in precedenza recuperato altrove dalle stesse guardie e poi dato in affidamento ai suoi attuali proprietari dai quali è poi scappato.

Video popolari

TrevisoToday è in caricamento