Progetto cestini Contarina, Manildo: "Solo questione di buon senso"

Il sindaco di Treviso risponde agli attacchi dell'opposizione: "Nessuna strumentalizzazione o campagna elettorale"

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TREVISO “Non ci fermeremo qui. Chiediamo al consiglio di bacino Priula di introdurre quanto prima le tariffe sociali per agevolare le fasce più deboli, le famiglie con i bambini e i nostri anziani”.

Dopo l’assemblea dei soci del consorzio di lunedì e dopo l’intervento del primo cittadino di Treviso, l’assessore delegato Gazzola torna ad affrontare il tema dei costi riservati ad alcune particolari fasce di cittadini. “Oltre alla gestione degli utili, per cui ogni euro incassato deve essere reinvestito in servizi, esistono altre questioni aperte che vorremmo venissero affrontate con trasparenza ed efficienza. Da tempo – denuncia l’assessore - il Comune di Treviso ha richiesto al consiglio di bacino di alleggerire il peso tariffario nei confronti delle famiglie con bambini o con persone anziane. In questi anni abbiamo sollevato a più riprese il tema in assemblea, inviato richieste puntuali: il risultato è stato un no secco da parte dei vertici del consiglio di bacino, sostenuto da motivazioni di natura legale. Questioni che peraltro riteniamo facilmente superabili, se solo, al posto di pensare a fare cassa, Priula mettesse al primo posto i suoi utenti e noi cittadini. Se invece di rivolgersi a sempre verdi ‘azzeccagarbugli’ il vertici del consiglio si guardassero un po’ intorno, vedrebbero che modelli virtuosi esistono. Penso per esempio a Savno, che è stata in grado di sottoscrivere un accordo, per esempio con i sindacati, che introduce sconti in bolletta per le utenze più deboli. La tariffa sociale per esempio viene applicata alle utenze con un reddito Isee inferiore a tredicimila euro. Inoltre sempre Savno, nel caso di famiglie con bambini fino a 3 anni di età o anziani è possibile fare richiesta dell’apposito contenitore e servizio gratuito presso l’eco sportello, senza - chiude - che vi sia alcun conteggio degli svuotamenti al fine del calcolo della tariffa”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento