Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, l'appello del noto dj Lady Brian: «Signor Presidente, ascolti il suo popolo!»

«Sono un padre di famiglia e continuerò a resistere finché i miei risparmi lo permetteranno»

 

«Signor Presidente, mi chiamo Brian Carnevale e sono un cittadino italiano padre di famiglia. Da due mesi mi è stata vietata la possibilità di lavorare, nonché la libertà di movimento». Inizia così il video appello del noto dj Lady Brian, originario di Paese, al Presidente Giuseppe Conte. Un video diventato virale in poche ore, venendo condiviso  e visto da oltre mille persone, soprattutto tra coloro del settore musicale e degli eventi che hanno visto cancellare concerti, serate e festival in tutta Italia a causa del Coronavirus. «Ad oggi il Governo mi ha riconosciuto 600 euro, ma penso che la politica italiana debba essere rappresentata in maniera sincera, trasparente, professionale ed onesta, senza farci cadere nella paura e nell'incertezza e la confusione che invece ci ha trasmesso in questo ultimo periodo. Penso inoltre che ad ogni grande manovra sanitaria debba corrispondere un'altrettanta manovra economica capace di garantire la dignità di ogni singolo individuo Signor Presidente, continuerò a resistere finché i miei risparmi lo permetteranno, ma se questa situazione dovesse continuare, senza un adeguato sostentamento, sarò costretto a disubbidire. Non perché sono un cattivo cittadino, ma perché ogni padre e madre che si rispetti ha il compito di garantire una vita dignitosa ai propri figli. Signor Presidente, la prego, di mostri di essere all'altezza della situazione» conclude il dj.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento