Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Manuel Bortuzzo: «Potrei tornare a camminare, la lesione non è completa»

Il nuotatore trevigiano, vittima di una sparatoria all'Axa che lo ha costretto su una sedia a rotelle, parla a Che Tempo Che Fa

 

Manuel Bortuzzo, il nuotatore vittima di una sparatoria alla periferia di Roma nel febbraio 2019 che gli ha provocato una lesione midollare, è stato ospite a Che Tempo che fa su Rai 2, per parlare del suo libro "Rinascere", in uscita il 5 novembre per Rizzoli.

«La lesione midollare che ti hanno diagnosticato non è completa, è una notizia pazzesca» afferma Fabio Fazio. «Una notizia pazzesca, come tutto quello che ho fatto in questi nove mesi e ho sempre voluto tenere per me. Quando non si parla di cose di cui si è sicuri, con la medicina è sempre meglio andarci con calma. In questo libro ho voluto annotare tutti i miei progressi, i miei miglioramenti» ha sottolineato Manuel, nato nel 1999 a Trieste e che si allena nel centro Centro federale di Ostia, ricordando che si era dato 10 anni per tornare a camminare. «Mio padre mi sostiene nella vita e mi sostiene anche in piedi» ha poi commentato il giovane atleta, mentre veniva mostrata una foto pubblicata su Instagram, in cui il papà lo aiuta a stare in piedi. Quello che sto facendo, niente di più, niente di meno» conclude Manuel.

Il video è visibile su Raiplay, link attivo su www.raiplay.it

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento