Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mobilitazione per i lavoratori della sanificazione, la Filmcams: «Tutto fermo da 7 anni»

Alberto Irone, Segretario Generale Filcams Cgil di Treviso: «Nonostante anni di richieste i dipendenti del comparto dei servizi integrati e multiservizi non ha ancora ricevuto un aumento salariale»

 

Mercoledì alle 11.30 i segretari di tre categorie sindacali, Alberto Irone (Segretario Generale Filcams Cgil di Treviso), Patrizia Manca (Fisascat Cisl) e Siro Martini (Uiltrasporti), hanno incontrato il Prefetto di Treviso per poi spostarsi alle 13.30 davanti all'ospedale Ca’ Foncello di Treviso. La mobilitazione dei lavoratori e dei sindacati andrà avanti fino a quando non si riattiverà il tavolo di confronto per giungere in tempi certi e brevi al rinnovo del contratto che assicuri aumenti economici congrui e la conferma dei diritti dei lavoratori.

La nuova protesta è nata intorno al Contratto nazionale dei servizi integrati e multiservizi scaduto da 7 anni. Manifestazioni nazionali e territoriali sono state annunciate in 40 città italiane (inclusa Treviso) proprio per la giornata di mercoledì. La grande manifestazione unitaria a Roma è stata organizzata dai sindacati nazionali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti a sostegno della vertenza che coinvolge gli oltre 600mila addetti del settore, di cui 30mila in Veneto e circa 7mila in provincia di Treviso. Occupati in molti appalti pubblici e privati per lo svolgimento del servizio essenziale di pulizie in ospedali, case di riposo, asili, scuole, università, uffici pubblici e postali, telecomunicazioni, banche, assicurazioni, centri commerciali, negozi, fabbriche, i lavoratori e le lavoratrici chiedono con forza il rinnovo del contratto collettivo nazionale.

«Sono gli stessi dipendenti delle imprese dei servizi in appalto e addetti alla sanificazione - stigmatizzano i sindacati trevigiani di categoria - che dalla scorsa primavera, nel dramma della pandemia, da invisibili sono diventati indispensabili, con l’aumento dei carichi di lavoro con orari e turni massacranti». Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti territoriali ribadiscono l’urgenza di definire trattamenti economici e normativi congrui e dignitosi per i lavoratori che, nonostante le gravi condizioni di lavoro, con grande senso di responsabilità in piena fase emergenziale e anche nella seconda ondata ormai conclamata, sono in prima linea, dimostrando l’importanza di un settore essenziale per la tenuta del sistema-Paese, garantendo la sanificazione e l’accessibilità di ospedali, scuole, uffici pubblici e privati, fabbriche, mezzi di trasporto. In particolare, i sindacati puntano il dito contro l’atteggiamento dilatorio di Anip Confindustria, Confcooperative Lavoro e Servizi, Legacoop Produzione e Servizi, Agci Servizi e Unionservizi Confapi e ritornano al mittente le proposte imprenditoriali sui temi della flessibilità, dei diritti e dei costi a fronte di un aumento delle commesse e dei fatturati registrato durante la pandemia».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento