rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023

Tutto esaurito per Irene Grandi sul palco di Suoni di Marca

Il Bastione San Marco gremito lunedì a Treviso per il concerto di Irene Grandi nella undicesima giornata di Suoni di Marca Festival dedicata alla canzone Italiana d’autore

L’evento gratuito proposto da Irene Grandi fa parte del tour attualmente in corso in cui l’artista di Firenze è affiancata dal produttore e co-autore Saverio Lanza, impegnato con chitarra e tastiere, dal batterista Fabrizio Morganti e dal bassista Piero Spitilli. Una serie di esibizioni in cui Irene Grandi affronta i pezzi più famosi del proprio repertorio, unendoli ai brani più recenti e a qualche interpretazione altrui dagli aggiornamenti particolari.

Sono state ben due le aperture a Irene Grandi, per una serata all’insegna dell’energia. Il primo a salire sul Main Stage è Giò Sada, formatosi nel panorama dell’underground indipendente, accompagnato dalla BariSmoothSquad, che lo segue per tutto il suo Volando al Contrario Tour. Stasera, insieme alla band ha messo in scena la sua personalità poliedrica, ed è subito rock. Dispensando la bellissima Volando al contrario appena prima della fine. Dopo un breve intervallo, segue sul palco Caterina Cropelli, che ha emozionato il pubblico con la sua chitarra, introducendo ogni canzone, specchio delle sue esperienze personali. Sulle note dell’ultimo brano inedito della cantautrice trentina, entra passando tra il pubblico la star della serata: Irene Grandi.

Lo spettacolo è composto da un set di assoluta suggestione, creando un’atmosfera intima in cui le canzoni vengono arrangiate lasciando molto spazio al calore della voce di Irene e dando risalto ai suoi testi, e da una parte che si tinge di rock, le sonorità si fanno più decise, l’atmosfera elettrica. L’intero, vastissimo, repertorio di Irene, dalle canzoni degli esordi a quelle più elettroniche, passando per i brani d’autore da lei interpretati,  è stato così proposto come profondamente trasformato ed ascoltarlo in modo diverso quasi fossero canzoni nuove e pur riconoscibili facendo parte della nostra emotività. E il pubblico ha dimostrato di gradire riempiendo i Bastioni delle Mura.

Le mura diventano la cornice di un viaggio tra il pop, intriso dell’energia del rock, aggiungendo una parentesi più intimistica e cantautorale. Da subito, il clima di attesa è palpabile, il pubblico chiama Irene per iniziare la sua esibizione. Sul palco ancora buio, partono le note di Prima di partire per un lungo viaggio e fa la sua entrata la regina del rock italiano. Coinvolge da subito il pubblico di Suoni di Marca che è tutto per lei, durante questa serata. Con La cometa di Halley, il pubblico fa sentire tutta la sua partecipazione sopra le mura, dando lo spunto per iniziare Alle Porte del Sogno, sul palco San Marco, tra le porte della città, per una canzone che parla di un amore, di un sogno dove tutto è possibile. Ispirato dalle donne, è un brano a cui l’artista tiene molto.

Sul palco cambiano le postazioni, intorno ad Irene due chitarre e un cajòn, per un cambio di registro. Il clima diventa più intimo come lei stessa sottolinea, come una serata tra amici, gli amici di Suoni di Marca, che inizia con il brano Ma. Non resisto, mantiene alta l’emozione. Si tratta di una vera serata inedita, l’inconfondibile grinta della voce si fonde perfettamente con il suono degli strumenti intorno a lei con Mille, e continuano divertendosi tra loro e divertendo il pubblico dal palco con In vacanza da una vita. Dopo questo intermezzo inedito si torna con Eccezionale a una versione dalle marcate tinte rock. Non solo pezzi propri quindi, ma anche una cover di David Bowie, per lasciare spazio al potere della sua voce anche sulle note del mito degli anni Settanta. Non mancano le conosciutissime La tua ragazza sempre, scritta da Vasco Rossi Gaetano Curreri, che hanno da subito intravisto la parte rock’n’roll in lei, Lasciala Andare, Stato di Gratitudine e Bruci la città.

Nel corso dell’esibizione, l’instancabile Irene ha ripercorso i più famosi successi della sua ventennale carriera artistica. Ha toccato tutte le sfumature delle emozioni, dall’amore alla paura, dal sogno e ancora la possibilità di cambiare, concedendo poi battute di riconoscenza sia al pubblico che nel backstage, concedendo autografi a tutti i fans che hanno atteso l’artista ed hanno avuto così il modo di salutarla e scambiare alcune battute.  Si è fermata a lungo nel backstage lasciando dei commenti a caldo sulla serata trascorsa, “il pubblico di Treviso è un pubblico caldissimo, e gli organizzatori sono di una professionalità dì altissimo livello così come tutto lo staff, Suoni di Marca è uno di quei festival in cui decisamente ci si sente a casa”.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Tutto esaurito per Irene Grandi sul palco di Suoni di Marca

TrevisoToday è in caricamento