TrevisoToday Sant'Ambrogio di Fiera

Ztl e Confartigianato Treviso: "Più posteggi carico/scarico"

Costruttivo l'incontro tenutosi martedì 14 marzo, vigilia dell'accensione dei varchi elettronici in città, tra gli associati di Confartigianato Imprese Treviso e l'assessore Paolo Camolei. Gli artigiani hanno suggerito alcune migliorie

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

TREVISO Con un po' di diffidenza e la giusta dose di curiosità/preoccupazione, nei confronti di una novità che avrà necessariamente dei riflessi sulle loro attività quotidiane. Così gli artigiani associati a Confartigianato Imprese Treviso martedì sera 14 marzo hanno accolto l'assessore alla Semplificazione, Sviluppo e Crescita della Città di Treviso, Paolo Camolei, intervenuto nella loro sede mandamentale di via Rosa Zalivani 2 per discutere dell'accensione dei varchi elettronici della Zona a Traffico Limitato del centro storico. Con l'assessore c'era anche Patrick Antonello, dell'ufficio Permessi del comando di Polizia Locale di Treviso.

Fra il pubblico una nutrita rappresentanza di tutte le categorie artigiane interessate in modo diretto dalla ZTL, per la particolare attività svolta, come fiorai, pasticceri, vetrai, antennisti, elettricisti e manutentori in genere. "Chiediamo che sia rivisto e possibilmente ampliato il numero di posteggi di carico/scarico all'interno della ZTL - hanno detto a Camolei gli artigiani - l'intervallo di sosta di 20 minuti consentito su questi stalli è per noi molto limitato. Spesso 20 minuti non sono sufficienti per eseguire gli interventi richiesti, specie le manutenzioni. Spostare ogni volta i mezzi ed i furgoni fuori della ZTL per parcheggiare, diventerebbe davvero troppo dispendioso, in termini di tempo e denaro. Chiediamo inoltre che le procedure previste, ad esempio per sanare accessi avvenuti per interventi di emergenza, siano semplici e veloci".

L'assessore ed il tecnico comunale si sono soffermati soprattutto sulla descrizione degli 'accessi in deroga', ovvero tutte quelle situazioni particolari per le quali gli artigiani potranno richiedere dei permessi speciali per accedere alla ZTL, anche in orari differenti dalle fasce previste. "Le richieste standard - hanno spiegato - si possono fare direttamente dal portale dedicato www.ztltreviso.it; una novità importante riguarda i pass, la cui validità è stata allungata da 12 a 24 mesi. Per permessi speciali, per particolari esigenze degli artigiani, conviene invece rivolgersi agli uffici, motivandone la necessità". "Treviso è l'ultimo dei capoluoghi di provincia veneti ad aver introdotto la ZTL, a protezione della viabilità e della vivibilità del centro urbano - ha commentato il presidente mandamentale di Confartigianato Imprese Treviso, Ennio Piovesan - come artigiani siamo consapevoli che questa scelta non poteva essere rinviata ulteriormente. Chiediamo pertanto all'Amministrazione Manildo di far tesoro dell'esperienza maturata prima di noi da altre città, per evitare possibili errori e disguidi. Fra qualche settimana chiediamo infine all'assessore di incontrarci ancora, dati alla mano, per ragionare sulla prima fase di sperimentazione della ZTL a Treviso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl e Confartigianato Treviso: "Più posteggi carico/scarico"

TrevisoToday è in caricamento