Assemblea delle Pro Loco di Marca: al via le nuove linee sperimentali sulla sicurezza

Presentate durante l'annuale assemblea delle Pro Loco di Marca le nuove linee guida sperimentali per le manifestazioni che portano lustro al territorio della nostra provincia

MARENO DI PIAVE Si è tenuta sabato 28 aprile a Mareno di Piave l'annuale assemblea provinciale delle Pro Loco, un incontro che ha avuto come filo conduttore il tema “Il Lavoro dei volontari e la burocrazia” e che ha toccato sotto vari aspetti l’argomento della sicurezza nelle manifestazioni temporanee. Un appuntamento fortemente voluto dal comitato provinciale per la continua evoluzione del sistema burocratico che interessa tutti gli eventi, dalle tradizionali feste popolari alle manifestazioni capaci di coinvolgere decine di migliaia di visitatori.

Tra le sfide più difficili degli ultimi tempi per le Pro Loco c'è, infatti, proprio quella di mantenere una struttura organizzativa adeguata alle norme e di poter contare su personale qualificato e formato capace di intervenire in particolari casi di emergenza. Il comitato regionale, in collaborazione con il proprio consulente in materia di sicurezza a servizio e supporto delle Pro Loco, si è da tempo attivato con la creazione di un tavolo di lavoro composto da tecnici per studiare queste problematiche e fornire risposte chiare alle proprie associate, con l'obiettivo di sensibilizzare le istituzioni pubbliche per una nuova legge sulle manifestazioni temporanee a tutela dei partecipanti e dei volontari che vi prestano servizio. Un tema trasversale quello della sicurezza che interessa anche il comparto alimentare: Stefano De Rui, coordinatore provinciale per i servizi veterinari e sian dell'Ulss 2, ha illustrato nel corso dell'Assemblea un progetto sperimentale, voluto dall'Azienda ULSS 2 Marca Trevigiana e valido solo per la Provincia di Treviso, volto ad attuare una serie di interventi semplificativi, in primis l’eliminazione del manuale HACCP. Pratiche che verranno concretamente presentate in tre incontri di area per presentare queste nuove modalità e le procedure da seguire per riuscire a lavorare in piena sicurezza alimentare.

“La metodologia HACCP si rivela difficilmente applicabile alle realtà alimentari piccole e semplici che rappresentano la quasi totalità delle imprese e delle Pro Loco del territorio – afferma De Rui - per questo, solitamente viene applicato il principio della “flessibilità”, purché si salvaguardi l’obiettivo finale dell’immissione sul mercato di alimenti non a rischio”. “É nostra intenzione favorire chiarezza in termini di sicurezza per i nostri volontari – dichiara Giovanni Follador, Presidente di Unpli Treviso - per far si che tutte le manifestazioni, anche le più piccole, proseguano senza timori. Abbiamo l'occasione di sperimentare una semplificazione delle norme HACCP pertanto è doveroso in questo momento di passaggio invitare tutti a non farsi scoraggiare e a proseguire con le consuete attività e manifestazioni che danno lustro al territorio”. Nonostante le difficoltà, le Pro Loco trevigiane restano comunque attive e impegnate su diversi fronti, continuando a proporre manifestazioni, iniziative e attività volte all'animazione e alla promozione del territorio e delle sue tipicità. L'Assemblea Provinciale è stata anche l'occasione per premiare quelle Pro Loco che, all'interno delle rassegne coordinate da UNPLI Treviso, hanno saputo instaurare collaborazioni e iniziative con il settore della ristorazione, dando quindi un valore aggiunto non solo ai propri eventi, ma anche al territorio. Per la rassegna Germogli di Primavera, il riconoscimento è andato alla Pro Loco di Morgano, organizzatrice della "Mostra dell'Asparago di Badoere IGP" e dell'iniziativa "A tavola con l'Asparago di Badoere IGP", una rassegna gastronomica che ha coinvolto numerosi ristoranti dell'area di produzione del prodotto. Nell'ambito di Malanotte d'Estate, il riconoscimento è stato assegnato alla Pro Loco di Ponte di Piave che, durante l'evento "Calici in Festa", ha saputo coinvolgere ristoratori e produttori del territorio. Per quanto riguarda Delizie d'Autunno, la Pro Loco premiata è quella di Monfumo, che durante la "Festa della Mela" ha organizzato una riuscitissima serata di beneficenza con i ristoranti del comune. Infine per Fiori d'Inverno, il riconoscimento è andato alla Pro Loco di Mogliano Veneto, per aver organizzato una rassegna gastronomica dedicata al Radicchio di Treviso IGP nei ristoranti del proprio comune.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Frontale tra auto lungo la Postumia: 5 le persone ferite, una è grave all'ospedale

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento