Mamma di due bambini uccisa da un cancro a soli 51 anni

Mercoledì 6 febbraio saranno celebrati i funerali di Nina Neagu, nata in Romania ma residente da diversi anni nel Comune di Oderzo. Lavoratrice in fabbrica lascia due figli

Circondata dall'affetto dei suoi cari, dopo una vita finita troppo presto, è venuta a mancare Nina Neagu cinquantunenne originaria della Romania ma residente da diversi anni nel Comune di Oderzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lunedì 4 febbraio la signora Nina ha perso la sua battaglia contro un cancro incurabile che l'aveva costretta a trascorrere gli ultimi mesi di vita tra ospedali e cure in casa, assistita dai familiari e dai volontari dell'Advar. Originaria della cittadina di Prahova, era arrivata in Italia ancora giovane stabilendosi prima a Viterbo e successivamente ad Oderzo dove lavorava in fabbrica. Ad annunciare la sua scomparsa sono stati il marito Nello ed i due figli della donna, Lucia e Ionut comprensibilmente sconvolti dal dolore. I funerali della donna saranno celebrati mercoledì 6 febbraio alle ore 15 nella sala del comitato della Casa funeraria Boscaia a Gorgo al Monticano. Dopo la cerimonia, la salma di Nina troverà riposo nel cimitero di Oderzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento