Videosorveglianza a Montebelluna: approvata la convenzione del progetto con Contarina

Il tema, in consiglio comunale, è stato approvato dalla maggioranza, dal Pd e dal M5. Contraria L’alternativa giusta e astenuta Sabrina Favero

Telecamere di videosorveglianza

Il consiglio comunale di Montebelluna ha approvato nella seduta di ieri sera la convenzione con Consiglio di Bacino di Priula per l’ampliamento del progetto di videosorveglianza in città. Si tratta di un progetto in essere con la società Contarina che risponde al Consorzio Priula, offre servizi in housing ai Comuni dai quali è partecipata. Infatti Contarina è formata solo da soci pubblici e il Comune di Montebelluna è tra quelli che detiene più azioni.

Esso prevede di andare a sostituire il server ed il software che gestisce l'intero sistema della videosorveglianza nonché le telecamere, dalla tecnologia superata, con quelle più attuali di tipo OCRche consentono di scansionare le targhe dei veicoli e convertirle in caratteri alfa-numerici. Questa funzione è particolarmente richiesta dai Carabinieri e dalle altre Forze dell'Ordine, anche lontane da noi, per la ricerca di persone oggetto di indagine di polizia giudiziaria e, una volta collegato anche con la banca dati della motorizzazione civile, permetterà di poter attivare dei controlli mirati sulla copertura assicurativa e sulla regolarità della revisione, senza dover procedere al posizionamento di telecamere mobili, come quella in dotazione (Targha 193).

A questi vantaggi, si aggiungono una serie di altri benefici, spiegati dal sindaco, Marzio Favero: «Tra i vantaggi da segnalare, vi è quello per cui anche Montebelluna verrà messa in rete con gli altri Comuni che a loro volta stanno aderendo al servizio di Contarina. Questo è importante anche in relazione al sentitissimo problema relativo alla sicurezza. E’ chiaro, infatti, che se ogni Comune facesse da sé, potrebbe verificare il solo passaggio delle auto sospette nel proprio territorio mentre, se tutti fossero in rete, le Polizie locali ed i Carabinieri e Polizia locale potranno monitorare tutti gli spostamenti su scala intercomunale, ovvero di area vasta, assicurando così una maggiore efficacia ed efficienza del controllo attuato attraverso il sistema di videosorveglianza. L’adesione a questo servizio diventa perciò un salto di qualità perché avremo un sistema intercomunale di controllo degli autoveicoli sospetti che poi in futuro verranno tracciati e individuati nei loro spostamenti extracomunali. Inoltre, un altro degli elementi di vantaggio nell’avvalersi di Contarina sarà quello di avere un interlocutore destinato a rimanere negli anni per quanto riguarda la manutenzione del sistema».

Il tema, in consiglio comunale, è stato approvato dalla maggioranza, dal Pd e dal M5. Contraria L’alternativa giusta e astenuta Sabrina Favero. Ora il Comune trasferirà il progetto preliminare a Contarina che provvederà alla progettazione esecutiva e definitiva e poi alla successiva gara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Incidente in motorino, Roberto Artuso muore dissanguato in Congo

  • Tumore incurabile, papà Fabio muore in pochi mesi a 51 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento