Rissa sfiorata all'ecocentro: la Polizia locale aumenta i controlli

L'episodio era avvenuto nel pomeriggio di lunedì 30 dicembre a Treviso. Il sindaco Conte e il Comandante Andrea Gallo hanno deciso di intensificare la sorveglianza fin da subito

Auto in coda all'ecocentro di Treviso poco prima della rissa dello scorso 30 dicembre (Foto di Vittore Trabucco)

Liti in Via della Serenissima e abbandoni di rifiuti nei pressi del Cerd. La polizia locale di Treviso ha deciso di potenziare da subito i controlli nella zona del centro di raccolta rifiuti al fine di prevenire comportamenti scorretti degli utenti che cedono materiali destinati in discarica a terze persone, spesso extracomunitari, che poi abbandonano i rifiuti in zona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli sono stati sempre fatti ma ora saranno potenziati: «Nel mese di giugno c’è stata anche una aggressione da parte di un cittadino extracomunitario poi denunciato ai danni di un agente a seguito di un controllo fuori dal Cerd - afferma il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo - Invitiamo gli utenti a non consegnare i rifiuti a nessuno ma a conferire gli oggetti solo al centro di raccolta in quanto cedere ad altri i rifiuti prevede sanzioni molto pesanti fino a 3mila euro». Saranno inoltre programmati servizi in borghese e un sopralluogo del nucleo anti-degrado per il controllo dei rifiuti abbandonati in zona. L’obiettivo resta comunque informare e sensibilizzare l’utenza sul corretto conferimento dei rifiuti: «Puntiamo innanzitutto su un azione informativa - evidenzia il sindaco Mario Conte - per far comprendere ai cittadini l importanza di rispettare le regole per il corretto conferimento dei rifiuti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento