Concordato Stefanel, Furlan: «I lavoratori vogliono chiarimenti»

In mattinata si è svolta l’assemblea dei dipendenti convocata dalla FILCTEM Cgil. In ballo il destino di un centinaio di posti di lavoro in provincia di Treviso e l’intero polo di Ponte di Piave, con tutto il suo indotto

«Dopo un rilancio promesso e non avvenuto, i lavoratori legittimamente chiedono risposte e rassicurazioni relativamente al sito di Ponte di Piave e all’eventuale utilizzo di ammortizzatori sociali». Questo è emerso dalla partecipata assemblea degli 89 dipendenti della Stefanel dello stabilimento trevigiano, ai quali si aggiungono altri 11 tra l’outlet e il punto vendita di Treviso, che si è svolta questa mattina a seguito della richiesta di concordato in bianco presentata oggi dalla direzione; la seconda nel giro di due anni.

«Sono giovani tra i 25 e i 35 anni assunti nell’ultima decade e over 40 in azienda da 20 anni. Sul loro destino lavorativo cala l’incertezza e il momento è di forte apprensione – racconta Cristina Furlan, segretaria generale FILCTEM CGIL di Treviso a margine dell’assemblea di questa mattina – In gioco c’è poi tutto l’indotto del sito trevigiano – continua la Furlan –  ovvero i laboratori di maglieria che operano per Stefanel, e che si sono già visti costretti a licenziare a causa del calo delle commesse, ma anche le ditte di logistica, essendo polo per tutta l’Italia e per l’estero». Complessivamente solo i dipendenti del Gruppo sono 800, 250 dentro i confini nazionali dei quali un centinaio in provincia di Treviso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Faremo di tutto per scongiurare la chiusura dello stabilimento di Ponte di Piave e salvaguardare l’occupazione nel nostro territorio – ribadisce Cristina Furlan- Ora è il momento che la dirigenza sveli il proprio piano, perché i dipendenti, e le loro famiglie, chiedono rassicurazioni in merito al posto di lavoro. Non di meno – aggiunge la Furlan – vogliamo chiarezza relativamente all’utilizzo che l’azienda intende fare degli ammortizzatori sociali». «Per questo stiamo pensando di convocare un’assemblea dei lavoratori chiedendo la presenza diretta della direzione, che si rivolga a loro e alle Rappresentanze sindacali con chiarezza e onestà»: conclude Furlan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento