Protezione civile del Veneto, già svolti decine di corsi con migliaia di partecipanti

A fine maggio una due giorni sul nuovo Codice della Protezione Civile dedicata il primo giorno alle istituzioni con quattrocento partecipanti e il secondo ai volontari con oltre duecento partecipanti

SAN VITO DI CADORE “Dall’inizio dell’anno abbiamo già svolto quattordici corsi specialistici sul rischio elettrico per volontari capisquadra, un corso base per sindaci e amministratori locali, due corsi specialistici sul rischio idraulico e uso delle pompe, due corsi specialistici anche in relazione alla protezione dei beni culturali, quattro corsi per le nostre diverse strutture presenti sul territorio. Abbiamo poi organizzato, a fine maggio, una due giorni sul nuovo Codice della Protezione Civile dedicata il primo giorno alle istituzioni con quattrocento partecipanti e il secondo ai volontari con oltre duecento partecipanti. Continuiamo inoltre i percorsi didattici di Scuola Sicura Veneto all’interno delle scuole primarie e secondarie venete con oltre venti giornate tra primavera e autunno”. Lo ha ricordato l’assessore alla Protezione Civile del Veneto Gianpaolo Bottacin, che ha organizzato anche il corso che si è svolto oggi a San Vito di Cadore rivolto agli amministratori locali ma anche alle regole dell’Alto Bellunese ed espressamente dedicato al tema dei temporali.

“E’ uno degli impegni che ho preso con volontari e amministrazioni – ha spiegato Bottacin – e lo sto seguendo quotidianamente insieme alle strutture, ben consapevole dell’importanza di garantire massima professionalità e conoscenze in materia in capo ai soggetti interessati”. Durante la giornata formativa di San Vito si sono approfondite le tematiche relative alla previsione dei temporali, agli specifici allertamenti e a come leggere i vari bollettini in materia, ma anche gli effetti dei temporali sulle zone montane come le colate di fango o i debris flow. La giornata si è quindi conclusa con alcuni approfondimenti sulla pianificazione di protezione civile e la gestione dell’emergenza. Oltre alle strutture dell’assessorato (con interventi di Germano Dal Farra, Rocco Mariani, Riccardo Rossi e Roberto Taranta), hanno fornito il loro contributo anche  ARPAV (Franco Zardini) e il Centro Funzionale Decentrato (Vincenzo Sparacino). “Ovviamente non ci fermiamo qui – ha concluso Bottacin -, quello di San Vito è solo il primo appuntamento del secondo semestre che ci vedrà presenti con decine di ulteriori corsi in tutti i territori del Veneto, attraverso i quali miriamo a raggiungere la maggior parte dei nostri diciottomila volontari, ma non solo”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    L'ultimo blitz del piromane prima dell'arresto: "Si sentiva invincibile"

  • Attualità

    Lavori lungo la ferrovia: il Comune toglie i limiti acustici, disagi in arrivo per i residenti

  • Cronaca

    Aereo di linea perde i contatti, decollano due caccia dalla base di Istrana

  • Attualità

    Terreno vitato: venduta alla cifra record di 370 mila euro l’uva prodotta

I più letti della settimana

  • Elicottero precipita al suolo: muore 41enne

  • Tragico schianto nella notte, auto contro un muro: muore un 19enne

  • Prima scrive un biglietto alla famiglia, poi si suicida in casa: a trovare il corpo la figlia

  • Suoni di Marca, ecco tutto il programma della 28ima edizione

  • Eredita l'azienda dal padre ma in pochi mesi è sfrattato: suicida un imprenditore 24enne

  • La furia del maltempo colpisce ancora: alberi sradicati e allagamenti nella Marca

Torna su
TrevisoToday è in caricamento