Vandali nel vigneto, 75 piante tagliate nella notte: caccia ai responsabili

E' successo a Revine Lago nel terreno di proprietà di Silvano Bernardi, presidente dell'Orienteering Tarzo. Distrutte le viti di Cabernet Cortis piantate tra il 2017 e il 2019

Le viti tagliate (Foto di Silvano Bernardi tratta da Facebook)

Vandali ancora in azione nei vigneti della Marca: 75 viti di nuovo impianto di qualità Cabernet Cortis, vitigno non soggetto a trattamenti fitosanitari, sono state tranciate alla base nella notte tra il 3 e il 4 gennaio.

La denuncia arriva via Facebook da Silvano Bernardi presidente dell'Orienteering Tarzo nonché proprietario del vigneto vandalizzato situato nel Comune di Revine Lago. Bernardi aveva messo a dimora le 75 viti nel corso degli ultimi tre anni: 25 piante per anno dal 2017 al 2019. Le uniche tre piante risparmiate sono state quelle dietro alla piccola serra sempre di proprietà di Bernardi. Il danno economico subito ammonterebbe a una cifra di circa 400 euro. Un danno ingente che ha portato Bernardi a sporgere denuncia per l'accaduto. «Cosa dire - scrive sul suo profilo Facebook - a me non cambia la vita, probabilmente neanche a chi si diverte con queste stupide azioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

vite-tagliata-2-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

Torna su
TrevisoToday è in caricamento