Preganziol: grande successo per la presentazione del libro "Maleviste 25 aprile 1945"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

PREGANZIOL Grande affluenza di pubblico alla presentazione, nella biblioteca di Preganziol, del libro "Maleviste 25 aprile 1945", di Camillo Pavan. Ha introdotto la serata, in tono lieve e parlando in dialetto, Francesca Gallo, artista, fisarmonicista, cantante, direttrice del coro ANA di Preganziol nonché assessore alla cultura della cittadina sul Terraglio.

L'assessore, dopo aver ricordato le molteplici attività della Biblioteca, ha dato la parola al relatore prof. Alessandro Casellato dell'università di Venezia. Casellato ha ripercorso le varie fasi di quel 25 aprile di 72 anni fa quando nella campagna delle Maleviste - al confine fra Canizzano, Sambughè e Zero Branco - furono uccisi dalle brigate nere di Treviso due partigiani di Marcon (Adolfo e Ettore Ortolan), un sergente maggiore dell'aeronautica sbandato dopo l'8 Settembre (Carmine Gargiulo, di Napoli) oltre a due giovani del luogo, Marco Galiazzo e Antonio Bragato, colpevoli di non aver risposto ai bandi del regime. Fu l'ultima azione della XX Brigata Nera "Amerino Cavallin" di Treviso prima della sua dissoluzione. Casellato ha poi ricordato la pluriennale attività di Pavan come ricercatore di storia orale e il metodo di lavoro utilizzato per questo libro, basato sull'intreccio e il confronto fra fonti orali e fonti d'archivio, oltre a puntuali ricognizioni sul campo. Dopo la presentazione dell'autore si è sviluppato un interessante dibattito durante il quale sono stati particolarmente apprezzati gli interventi di Paolo Favaro, ex responsabile del settore cultura e direttore della biblioteca di Zero Branco, e Rosanna Calvani autrice con Gianni Daurù e Sandro Scaboro del libro "Prima che scenda il silenzio…" basato sulle testimonianze di venti testimoni della Seconda guerra mondiale, fra cui tre partigiani di San Trovaso e Preganziol.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento