Teatro Busan: al via la nuova stagione, ci saranno Dario Vergassola e Riccardo Rossi

Venerdì 21 settembre al Cinema Teatro Busan di Mogliano Veneto, Giuseppe Emiliani, direttore artistico del teatro, ha presentato il programma della Stagione teatrale 2018-2019

MOGLIANO VENETO “Il teatro è una grande forza civile – ha sottolineato Emiliani - perché è il luogo dove le persone si incontrano, perché toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto e lo fa divertendo, commuovendo, suscitando emozioni. Anche quest’anno il cartellone del Teatro Busan è composto da spettacoli di genere diversi e dà la possibilità di stimolo intellettuale e di divertimento che ci auguriamo possano incuriosire, stimolare, appassionare il nostro pubblico, perché il Teatro Busan vuole continuare ad essere un teatro della comunità: un teatro di tutti e per tutti. Come dimostra la presenza quest’oggi del Sindaco e dell’Assessore alla Cultura di Mogliano”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Teatro Busan vedrà infatti alternarsi sul suo palcoscenico satira, musica dal vivo, commedia dell’arte, omaggi teatrali a grandi personaggi, rivisitazioni drammaturgiche. Si inizia il 26 ottobre con una produzione del Teatro Busan in cui Alberto Fasoli diventa Giuda ne La Gloria, ultima audace opera di Giuseppe Berto; il 9 novembre Barbara De Rossi e Francesco Branchetti portano sulla scena il Diario di Adamo ed Eva di Mark Twain; gli ultimi due spettacoli del 2018 segnano due graditi ritorni sul palco del Busan: il 23 novembre quello di Riccardo Rossi con W le donne e il 14 dicembre quello di Giuliana Musso con Tanti saluti. Il 4 gennaio spazio alla musica con Ginga in gospel, con Claudia Scapolo, in arte Ginga, corista dell’Halleluja Gospel Singers; venerdì 11 Andrea Pennacchi racconta la surreale storia di Quel veneto di Shakespeare, mentre il 25 gennaio va in scena un’altra produzione del Teatro Busan: Antonio Salines ed Edoardo Siravo sono gli interpreti di Caro Marcello, Caro Federico, sentito omaggio teatrale a due grandi figure dello spettacolo italiano come Mastroianni e Fellini. L’8 febbraio la travolgente Magical Mystery Orchestra racconta I Beatles al cinema, la storia dei Fab Four attraverso estratti delle pellicole che li vedono protagonisti, narrazione e musica live. Spazio alla commedia dell’arte in Romeo e Giulietta: l’amore è saltimbanco: Stivalaccio Teatro riscrive la celeberrima storia del Bardo mescolando trame, dialetti, canti, improvvisazioni, suoni, duelli e pantomime. È di nuovo protagonista la musica il 1 marzo con Una giornata al mare, in cui la voce di Sandra Mangini spazia tra vent’anni di meravigliose canzoni d’autore italiane. Il 15 marzo è il turno di Sparla con me, one-man show di Dario Vergassola che, riprendendo i successi televisivi di Parla con me, racconta i momenti più esilaranti dei suoi tanti incontri. Il 29 marzo Teatro Bresci porta in scena Maradona nell’alto dei cieli, un monologo all’incrocio tra calcio, fede e teatro in cui Giacomo Rossetto celebra una sorta di rito laico di uno dei più grandi calciatori e personaggi pubblici di sempre. Chiudono la Stagione il 12 aprile Franca Pampaloni e Nicanor Cancellieri che in Meglio tarde che mai raccontano la storia di due anziane concertiste che tornano ad esibirsi dando vita al più comico, sconclusionato e coinvolgente concerto di musica classica mai sentito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento