Sette alberi vecchi e pericolanti lungo il ciglio della strada: il Comune ordina di abbatterli

Lungo via Martiri a Resana lo stato di salute di ben sette tigli sta preoccupando particolarmente l'amministrazione comunale che ha deciso di abbatterli per evitare incidenti

RESANA “La situazione sarà monitorata e, se necessario, i tigli saranno tagliati quanto prima”. Nel centro abitato di Resana, lungo via Martiri, a ridosso della strada che porta al semaforo di via Vittorio Veneto, lo “stato di salute” di alcuni alberi è precario e l’amministrazione comunale ha già pensato di intervenire in maniera drastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un paio di anni fa un grosso tiglio è caduto proprio in mezzo alla strada – ha dichiarato il sindaco Stefano Bosa – si è sfiorata la tragedia e cose simili non possono più accadere. Vista la situazione precaria di molti tigli abbiamo deciso subito di intervenire con una prima indagine che non ha fatto altro che confermare quella che prima era solo una sensazione ovvero che alcuni tigli purtroppo devono essere abbattuti quanto prima”. Le piante presenti lungo il viale principale del centro abitato di Resana dimostrano tutta la loro età, una cinquantina di anni circa. A “rischio” sarebbero ben sette piante su un totale che sfiora le sessanta unità. “Queste piante subiscono quotidianamente un passaggio di circa 30 mila automezzi – ha aggiunto il sindaco – alcune sono state colpite da un fungo che ne rovina il fusto e c’è il rischio che questi grossi alberi possano cadere … non possiamo rischiare oltre, abbiamo deciso di incaricare un nuovo professionista per una ulteriore indagine che ci dia subito le indicazioni per tagliare i tigli a rischio”. Le piante abbattute non saranno rimpiazzate. “Nell’attuale sede per ora certamente no – ha concluso il sindaco – non c’è lo spazio per porre a sedime dei nuovi tigli a ridosso della strada ma non rinunciamo comunque a continuare a mettere a dimora altre piante in altri posti così come è stato fatto anche nello scorso autunno quando circa cento piante sono state impiantate, grazie alla collaborazione della Pro Loco, negli spazi verdi adiacenti alle scuole elementari. Creare dei “polmoni” verdi a ridosso dei centri abitati è uno dei nostri obiettivi, già abbiamo a disposizione il “bosco del pettirosso” ma anche altre aree verdi potrebbero “compensare” le aree dove invece lo smog è imperante”. Abbattere i tigli sarà una decisione di sicuro dolorosa ma necessaria per l'incolumità di tutti gli automobilisti e i residenti del comune trevigiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento