Carnevale senza coriandoli: nessun divieto da parte del Comune

Dopo il dibattito nato nelle scorse ore per una presunta ordinanza che vietava l'uso dei coriandoli nella frazione di Pero, il Comune di Breda di Piave ha chiarito la questione

BREDA DI PIAVE In merito a una presunta ordinanza che vieterebbe lo spargimento dei coriandoli durante il carnevale nella frazione di Pero, il comune di Breda di Piave ha voluto precisare che tale ordinanza non esiste e non è mai esistita, neppure tre anni fa come riportato da alcuni quotidiani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riguardo lo svolgimento del carnevale a Pero il Comune assicura che la manifestazione, assieme alla presentazione del carro mascherato, vedrà un momento di festa comunitario e sarà realizzata in piena sintonia tra organizzatori del Carnevale e amministrazione comunale, che ha peraltro patrocinato e promosso l’evento. “Tutte le manifestazioni organizzate dalla nostra associazione in programma nel 2018 – commentano da Gruppi Uniti Pero, organizzatori del carnevale – a partire dal Carnevale, sono state pianificate e condivise in sintonia con l’Amministrazione Comunale di Breda di Piave, in assoluta trasparenza e serenità”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento