A scuola di conciliazione, Le esperienze di Casa Marani a Villa Giovannina

In occasione delle annuali feste che coinvolgono le tre strutture del Centro di Servizi trevigiano si vuole rendicontare le iniziative di conciliazione attivate nel tentativo di approfondire la rilevante tematica

VILLORBA Tema di grande interesse e di attualità è quello della conciliazione tempi di vita e tempi di lavoro. Su questo aspetto, dentro al programma “Family Friendly e Audit Famiglia & Lavoro”, sostenuto dalla Regione del Veneto, l’IPAB villorbese Casa Gino e Pina Marani si sta impegnando già da tempo. E, in occasione delle annuali feste che coinvolgono le tre strutture del Centro di Servizi trevigiano, vuole rendicontare le iniziative di conciliazione attivate nel tentativo di approfondire, anche raffrontando altre esperienze di diversi territori e con il contributo di esperti, la rilevante tematica. Lo farà martedì 19 settembre, dalle 9.00 in poi alla Barchessa di Villa Giovannina a Carità di Villorba, dove ha invitato gli operatori del settore e la comunità a prendere parte al convengo intitolato “Le politiche vita-lavoro nei Centri di Servizi per anziani”. A portare i saluti dell’Amministrazione Comunale, che ha conferito il patrocinio all’appuntamento, il Sindaco di Villorba Marco Serena.

La mattinata si articolerà in due momenti. La prima parte, che segue i saluti istituzionali, affronterà, grazie al contributo di Stefania Barbieri, Consigliera di Parità della Provincia di Treviso, la conciliazione famiglia-lavoro quale binomio di non sempre facile attuazione. Sarà poi dato spazio all’esperienza attiva di Casa Marani: Alberto Michielazzo, consulente dell’IPAB per tali politiche, esporrà il progetto family-friendly, mentre Enrico Giovanardi, direttore dell’Ente, entrerà nel vivo illustrando le iniziative di conciliazione attivate. La seconda parte del convegno, invece, aprirà alle buone pratiche avviate in altri territori: da quella dell’Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione di Motta di Livenza, raccontata da Sabrina Matteazzi, responsabile risorse umane di ORAS, a quelle di welfare nelle RSA della provincia di Varese, spiegate dal dg della Fondazione Longhi Pienezza di Casalzuigno, Patrizia Salvemini. Agli approfondimenti seguiranno un momento di dibattito e le conclusioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Come donna professionista, come persona impegnata nel sociale e in particolare come mamma, ho particolarmente a cuore l’impegno che Casa Marani sta dedicando alle politiche di conciliazione vita-lavoro - dice Daniela Zambon, presidente del CdA di Casa Marani -. Sono convinta che nel garantire il benessere del personale si ottenga, seppur indirettamente, un effetto positivo anche sulla già alta qualità del servizio offerto ai nostri anziani. Una considerazione che ci stimola a fare sempre più e meglio su questo versante, anche confrontandoci con altri enti che, come noi, portano avanti innovative politiche di welfare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento