Conigli stressati dai lavori in tangenziale, Provincia risarcisce allevatore

Il Sant'Artemio pagherà 36mila euro ai titolari di un'azienda agricola di Pieve di Soligo per i danni arrecati dalla realizzazione dell'arteria

I lavori in tangenziale stressano i conigli, che non fanno più il loro dovere, e la Provincia si vede costretta a risarcire l'allvatore.

Si è chiusa dopo tre anni la battaglia legale tra l'azienda agricola Callegher di Pieve di Soligo e il Sant'Artemio, che sborserà 36mila euro per i danni arrecati dalla realizzazione della tangenziale vicino a via Schenelle.

Come riporta la Tribuna di Treviso, nel 2010 Rino Callegher avevano chiesto alla Provincia un indennizzo di 100mila euro per il calo di "produttività" causato dai rumorosi lavori all'allevamento di conigli. Disturbati e stressati da martelli pneumatici e mezzi pesanti, i roditori non riuscivano a riprodursi come prima, con conseguenti ricadute sull'economia dell'azienda.

Nel luglio 2011 per un vizio di procedura il tribunale aveva dichiarato nulla la citazione di Callegher e partirono le trattative tra i legali delle due parti per arrivare a un accordo. Dopo un paio di anni di scambi di lettere e richieste, i titolari dell'azienda agricola hanno accettato l'indennizzo di 36mila euro, sebbene di molto inferiore a quello chiesto inizialmente, che verrà corrisposto dalla Provincia a settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Coronavirus a Treviso, 12 persone positive al tampone: scatta l'isolamento

Torna su
TrevisoToday è in caricamento