Furto nella notte all'Arsenale: ladri in fuga con un bottino di 1800 euro

La spaccata nella notte tra martedì 10 e mercoledì 11 settembre. I ladri sono entrati dalla porta sul retro e hanno svaligiato il bar e la pizzeria del centro commerciale di Roncade

Sono entrati in azione a notte fonda, hanno forzato la porta sul retro e sono entrati indisturbati nel centro commerciale Arsenale, uno dei più grandi punti vendita della provincia di Treviso.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", la spaccata è avvenuta nella notte tra martedì 10 e mercoledì 11 settembre. I ladri, una volta all'interno, si sono diretti diretti subito alla "Pizzeria Via" dove hanno svaligiato il registratore di cassa rubando ben 800 euro. Non contenti, si sono diretti al vicino bar "Adorata" dove sono riusciti a racimolare un bottino ancora più ingente di ben mille euro. I due locali erano privi di saracinesche e sistemi d'allarme. In questo modo i malviventi hanno potuto depredarli senza essere disturbati o intralciati da nessun sistema di sicurezza. La scoperta del furto è avvenuta mercoledì mattina da parte dei dipendenti del centro commerciale. Immediata la segnalazione ai carabinieri. Un aiuto importante per poter identificare i responsabili potrebbe arrivare dai filmati delle videocamere di sorveglianza ma per il momento i ladri sono riusciti a fuggire facendo perdere ogni traccia. Fino al furto dell'altra sera il centro commerciale di Roncade non era ancora mai stato preso di mira dai ladri. Le indagini, nel frattempo, proseguono.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Pullman per la gita scolastica non a norma: sequestrati dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento