Esami per la patente truccati, otto arrestati dalla polizia stradale

Sarebbero stati almeno 700 i clienti della cricca per un giro d'affari di almeno 600mila euro. Le risposte ai test erano suggerite via auricolare. Coinvolte autoscuole di Mira e Castelfranco

Le persone coinvolte nelle truffe

TREVISO È in corso dall’alba di lunedì una significativa operazione contro il conseguimento fraudolento della patente di guida condotta dalla Polizia Stradale di Treviso, diretta dalla Procura della Repubblica di Padova, la principale di questo genere nel Veneto, che vede diverse decine di indagati e l’esecuzione di 10 provvedimenti restrittivi della libertà personale emessi dall’Autorità Giudiziaria nei confronti di cittadini italiani e stranieri in provincia di Treviso, Venezia, Bergamo e Brescia.

L’attività della Polizia Stradale, coordinata dal Pubblico Ministero dott.ssa Federica Baccaglini della Procura della Repubblica di Padova, ha consentito di smantellare un’articolata associazione a delinquere dedita da anni al conseguimento fraudolento della patente di guida attraverso la falsificazione di centinaia di esami teorici di guida nelle Motorizzazioni di Treviso, Padova e Venezia, composta da cittadini italiani e stranieri residenti nelle province citate ed in altre con un giro d’affari annuo superiore a 600mila euro.

L’Autorità Giudiziaria di Padova ha emesso così 10 provvedimenti restrittivi della libertà personale di cui 4 ordinanze che dispongono la custodia cautelare in carcere, 4 ordinanze che dispongono gli arresti domiciliari, 2 ordinanze che dispongono l’obbligo di presentazione e di dimora, oltre a 6 decreti di perquisizione. I provvedimenti sono attualmente in fase di esecuzione da parte della Polizia Stradale di Treviso con l’ausilio di personale del Compartimento Polizia Stradale per il Veneto e delle Sezioni Polizia Stradale di Venezia, Vicenza e Bergamo.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

IL CASO - Nel corso dell’anno 2015 la Polizia Stradale di Treviso ha individuato e denunciato diversi cittadini stranieri, principalmente di etnia indo-pakistana, che si presentavano presso le aule della Motorizzazione Civile di Treviso per sostenere l’esame teorico necessario al conseguimento della patente di guida italiana tramite l’utilizzo di mezzi fraudolenti quali microtelecamere e microauricolari nascosti sul loro corpo al fine di ottenere a distanza le risposte esatte alle domande proposte. In uno dei citati casi, verso la fine dell’anno, la persona coinvolta e denunciata per i fatti di cui sopra (D.M., cittadina Rumena ventottenne), a differenza di tutti gli altri soggetti di volta in volta individuati, ha fornito informazioni utili all’avvio di una articolata attività di indagine. Gli accertamenti eseguiti dal personale della Polizia Stradale hanno da subito appurato la veridicità delle notizie acquisite in relazione a luoghi, persone e modus operandi descritti dettagliatamente dalla persona denunciata.

È cominciata così la complessa attività di polizia giudiziaria fatta di appostamenti, pedinamenti, attività tecniche ed accertamenti burocratici denominata “Operazione 2000”. L’indagine della Polizia Stradale di Treviso, inizialmente coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Treviso dott. Massimo De Bortoli e poi dal Pubblico Ministero dott.ssa Federica Baccaglini della Procura della Repubblica di Padova, ha consentito di smantellare l’articolata associazione a delinquere descritta attraverso l’emissione da parte del G.I.P. del Tribunale di Padova dott.ssa Mariella Fino di 10 provvedimenti restrittivi della libertà personale di cui 4 ordinanze che dispongono la custodia cautelare in carcere, 4 ordinanze che dispongono gli arresti domiciliari, 2 ordinanze che dispongono l’obbligo di presentazione e di dimora oggi eseguite unitamente a 6 decreti di perquisizione delegati nei confronti di tutti i componenti dell'asociazione criminale.

In particolare sono stati raggiunti da ordinanze che dispongono la custodia in carcere: C.U., nato a Venezia l’11.02.1956, residente a Mira (VE); J.F., nato a Sialkot (Pakistan) il 15.03.1981, residente a Montichiari (BS); S.M., nato a Venezia il 21.08.1955, residente a Vigonovo (VE); P.I., nato a Carvico (BG) il 23.03.1948 e ivi residente in via Cornalida, 29.

Sono stati invece raggiunti da ordinanze che dispongono gli arresti domiciliari: C.U., nato a Treviso il 18.02.1969, residente a Favaro Veneto (VE); G.A., nato a Treviso il 13.12.1972, residente a Marcon (VE); C.D., nato a Dolo (VE) il 20.05.1980, residente a Mira (VE); C.G., nata a Mira (VE) il 19.02.1960, residente a Mira (VE).

Sono stati infine raggiunti dalle ordinanze che dispongono l’obbligo di presentazione e di dimora: C.M., nato a Dolo (VE) il 30.06.1987, residente a Mira (VE) e C.V., nata a Castelfranco Veneto il 21.08.1986, residente a Vedelago.

Insieme ai componenti dell’associazione, sono oltre 35 gli indagati ai quali sono stati contestati i reati di cui gli artt. art. 416 C.P. (associazione a delinquere), artt. 48, 479 e 491 bis C.P. (errore determinato dall’altrui inganno e falsità ideologica commessa dal P.U. in atti pubblici di tipo informatico), art. 617, comma 3, C.P. (cognizione, interruzione o impedimento illeciti di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche), art. 623 bis C.P. (rivelazioni di segreti scientifici o industriali). La complessa attività d’indagine ha permesso di ricondurre le numerose persone precedentemente denunciate in singole occasioni ad un’unica organizzazione criminale che, grazie ad una rete capillarizzata sul territorio veneto e lombardo, riusciva a procacciare numerosissime persone interessate al conseguimento della patente di guida, proponendo loro il superamento degli esami teorici di guida in cambio di un compenso in denaro, oscillante tra i 2mila ed i 3mila euro a candidato.

Le persone coinvolte, spesso straniere con enormi problemi di comprensione della lingua italiana sia scritta che parlata, ovvero italiane ma del tutto prive dei requisiti culturali minimi per il superamento degli esami, accettavano di buon grado (alle volte dopo essere stati già plurime volte bocciati agli esami teorici per la patente) e si mettevano nelle mani del sodalizio che forniva loro un “pacchetto” completo di servizi volto al superamento dell’esame teorico. Nella fattispecie l’organizzazione, operante nel mondo dalle autoscuole del territorio molte delle quali gestite proprio dai sodali, presentava candidati presso le Motorizzazioni Civili di Treviso, Venezia, Padova e in alcuni casi anche Bergamo, cui riusciva a far superare fraudolentemente l’esame teorico della patente con il seguente modus operandi.

I candidati, alcuni in qualità di iscritti alle stesse autoscuole di proprietà dei criminali, anche se per lo più privatisti, il giorno prefissato per il sostenimento dell’esame, venivano preventivamente contattati, dapprima negli stessi ambienti delle autoscuole della zona e successivamente presso le loro abitazioni, da personaggi facenti parte del sodalizio. Questi provvedevano a posizionare direttamente sulla pelle nuda dei candidati, sistemi di trasmissione audio/video prevalentemente mediante smartphone, ma anche microcamere e mini auricolari wireless, opportunamente occultati, che consentiva loro di trasmettere al suggeritore le immagini che si presentavano loro davanti, nel caso in questione proprio le domande dei quiz di teoria presso le aule delle diverse Motorizzazioni, e di ricevere sui micro auricolari debitamente occultati nel condotto uditivo, le risposte fornite dal suggeritore da una postazione situata a distanza ed individuata presso le autoscuole del veneziano o presso le abitazioni delle persone colluse. Allo scopo venivano prese in locazione vere e proprie basi logistiche in immobili della zona ove, con la dovuta discrezione della privata dimora, dopo l’installazione dell’apparecchiatura e la fornitura di abiti appositi atti all’occultamento degli smartphone e delle microcamere ma che lasciavano libera la visuale delle fotocamere, i candidati venivano accompagnati presso le Motorizzazioni ove poi sostenevano l’esame beneficiando delle risposte che un suggeritore forniva loro vedendo le immagini del monitor utilizzato per l’esame proiettate dalle telecamere occultate. Numerosi servizi di appostamento e telecamere nascoste hanno consentito di monitorare tutte queste attività nelle Motorizzazioni di Treviso, Venezia, Padova e in alcuni casi anche a Bergamo.

A conclusione dell’esame i candidati si allontanavano rapidamente dalle Motorizzazioni portandosi a piedi nei luoghi concordati per essere qui intercettati dai partecipanti al sodalizio e riportati alle loro abitazioni non prima di aver “restituito” il materiale informatico audio/video necessario alla falsificazione dell’esame. L’attività di indagine ha consentito di documentare diverse decine di esami anomali posti in essere dal sodalizio criminale in poco più di un mese, con una media di quasi uno al giorno arrivando anche, in alcune giornate, a tre esami falsi contestualmente effettuati in Motorizzazioni diverse! In particolare, in ben 24 casi sono state documentate compiutamente tutte le fasi della falsificazione della procedura, dall’arrivo del candidato con l’apposizione degli apparati, la prova di comunicazione, l’accompagnamento in Motorizzazione, il suggerimento delle risposte durante l’esame ed il ritorno alla base per la restituzione degli apparati e degli abiti.

Tra questi anche esami per il conseguimento delle c.d. “patenti superiori” e cioè quelle che consentono la guida dei mezzi pesanti (autocarri, autotreni ed autoarticolati di portata superiore alle 12 tonnellate). Vista l’impressionante frequenza di falsificazione degli esami accertata dall’indagine è ragionevole ritenere la falsificazione di centinaia di esami all’anno con un giro d’affari per l’organizzazione criminale superiore ai 600mila euro l’anno che, accertata l’attività del gruppo almeno dal 2013 (anche se è verosimile il suo svolgimento da molti anni prima), è facile stimare in oltre 2 milioni di euro complessivi.

Considerato che la Provincia di Treviso è la Provincia con il più alto indice di mortalità derivante da sinistri stradali di tutto il Veneto nonché uno dei più alti di tutta Italia considerato il rapporto incidenti mortali/popolazione (basti pensare che nel periodo luglio/agosto 2015 la Provincia di Treviso ha addirittura visto il più alto numero di morti sulla strada tra tutte le province Iitaliane) e considerato che il fenomeno, trattato per l’oltre il 90% della sua casistica dalla Polizia Stradale, presenta elevatissima percentuale di causalità in riferimento alle cattive abitudini nelle condotte di guida unite alla scarsa conoscenza dei rischi legati alla violazione delle norme sulla circolazione stradale ed alla scarsa conoscenza delle norme stesse, volte proprio alla tutela della sicurezza della circolazione, si ritiene che una parte considerevole del fenomeno sia da ascriversi ai numerosi soggetti che guidano con scarsissima conoscenza delle norme e spesso anche con scarsa perizia proprio grazie a fraudolenti conseguimenti della patente di guida.

Per quanto sopra, anche alla luce delle recentissime modifiche in tema di omicidio e lesioni personali stradali, si ritiene particolarmente rilevante l’attività più sopra descritta che ha permesso di eliminare dalla Regione Veneto una sicura e consistente causa di incidenti stradali oltreché di arrestare un fenomeno delittuoso di proporzioni dilaganti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di roberto
    roberto

    E' l'accoglienza ragazzi, è    l'integrazione . Ma di cosa state parlando? I razzisti siamo noi !!!

Notizie di oggi

  • Dalla Rete

    "Self-service" della droga, appuntamento al cimitero e dose nei campi: arrestato

  • Cronaca

    Piazza dei Signori perde un pezzo di storia, Giunti chiude

  • Cronaca

    Incendio in abitazione, vigili del fuoco al lavoro tutta la notte

  • Cronaca

    Maserada: cortocircuito in casa e scoppia l'incendio

I più letti della settimana

  • Si suicida con il gas in auto: Pederobba piange un noto imprenditore locale

  • Tremendo schianto tra due auto a Volpago del Montello, tre feriti

  • Dramma a Istrana, cade in una canaletta e muore annegato

  • Amante diabolica, ricatto da 150mila euro al ricco imprenditore: "Dico tutto a tua moglie"

  • Manager stroncato da un infarto: la famiglia Benetton piange Vincenzo Scognamiglio

  • Cade a terra dopo l'incidente con lo scooter: 19enne portato in ospedale in elicottero

Torna su
TrevisoToday è in caricamento