Spari contro la villa di un geometra, indagano i carabinieri

Il grave episodio nella notte tra lunedì e martedì a Castelminio di Resana, in via Fornace. Vittima dell'intimidazione Luigino Didonè, 57 anni

RESANA Tre colpi di pistola, esplosi ad altezza uomo, contro la villa di un geometra, Luigino Didone', 57 anni. Il grave episodio intimidatorio è avvenuto alla mezzanotte, nella notte tra martedì e mercoledì, a Castelminio di Resana, in via Fornace, la residenza di Didonè che era già a dormire quando si sono uditi i colpi.

I coniugi Didonè si sono resi conto di quanto era avvenuto solo mercoledì mattina, alle 7.30, quando hanno notato un foro sul muro esterno che si affaccia sulla strada e altri due che hanno trapassato il balcone e la finestra a vetrocamera del salotto.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Castelfranco Veneto che ora indagano sull'episodio e dovranno passare al setaccio le telecamere di videosorveglianza della zona, a caccia di indizi utili per identificare il responsabile dell'attentato. Sembra, secondo le prime indiscrezioni, che l'auto del "cecchino" fosse diretta verso Albaredo. Già svolti dalla scientifica dell'Arma i rilievi del caso.

PRECISAZIONI DEL GRUPPO BASSO "Il Gruppo Basso di Treviso intende specificare e rettificare una notizia erroneamente diffusa, perché non vera, che riguarda la vicenda di Resana (spari nella notte alla casa di un geometra), raccontata in questi giorni nella stampa. Il proprietario o affittuario della casa in oggetto non è dipendente di Gruppo Basso o Costruzioni Basso di Paese. Il gruppo Basso chiede di essere tutelato nell'immagine e non avvicinato a vicende di cronaca con le quali non ha nulla a che vedere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Più muscoli e meno grasso: gli alimenti che aiutano a costruire la tua massa magra

  • Tensione in tribunale, avvocato perde la testa e aggredisce il giudice

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento