Giovane inseguito con una bottiglia rotta e botte ai poliziotti: baby gang in manette

Intervento movimentato delle volanti della polizia a Treviso, martedì sera, lungo Riviera Garibaldi. Protagonisti un 20enne, un 25enne ed un 30enne; utilizzato dai poliziotti anche lo spray urticante

Una volante della polizia in azione

Prima hanno aggredito un ragazzo seduto su una panchina, rincorrendolo con in mano una bottiglia rotta, poi se la sono presa anche con i poliziotti, intervenuti su richiesta di una cittadina che aveva allertato il 113 su quanto stava avvenendo. L'episodio è avvenuto ieri, martedì, poco dopo le 19, lungo Riviera Garibaldi, nel cuore del centro storico di Treviso. Gli agenti sono riusciti, con difficoltà, a sedare gli animi degli aggressori, due giovani, quando improvvisamente, altri due ragazzi sono intervenuti nel tentativo di impedire ogni controllo da parte dei poliziotti.

Nonostante i diversi tentativi di fuga, spintonamenti e minacce da parte del gruppetto di giovani, gli agenti della volante, anche con l’utilizzo dello spray urticante in dotazione, sono riusciti a riportare la situazione alla normalità ed a procedere al loro controllo, durante il quale, uno dei quattro, con un movimento repentino, ha cercato di disfarsi di un bilancino e di 5 confezioni di marijuana gettandoli nel Sile. Tale gesto è stato notato dai poliziotti che hanno prontamente recuperato la droga e approfondito il controllo. Alcuni testimoni hanno riferito gli agenti delle volanti che la lite è nata per futili motivi: mentre il ragazzo era seduto su una panchina, è stato avvicinato da due ragazzi che hanno cominciato a minacciarlo, strappandogli gli occhiali dal viso. Lo stesso ha tentato di reagire e uno dei due ha rotto una bottiglia di birra su un palo della luce e lo ha minacciato, fino a costringerlo a scappare. Al momento del controllo, i quattro ragazzi hanno iniziato a colpire gli agenti con calci e pugni e a scagliarsi contro il mezzo di servizio.

Portati in Questura, i giovani sono stati identificati per:

I.B., venticinquenne cittadino italiano di origini brasiliane, già colpito dal foglio di via dal Comune di Treviso e con diversi precedenti di polizia alle spalle che è stato arrestato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

A.S., ventenne del bangladesh, già arrestato recentemente dalle Volanti di Treviso per un episodio di furto in abitazione. Lo stesso è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, minaccia aggravata e violenza privata.

C.A., trentenne del Guinea, è stato tratto in arresto per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, minaccia aggravata e violenza privata.

I.R., cittadino italiano di origini brasiliane, con alle spalle alcune segnalazioni di detenzione di sostanze stupefacenti, è stato denunciato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

I tre giovani arrestati sono stati posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per il processo per direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una folla per l'addio a Giulia, due famiglie unite nel dolore

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Magnesio: il segreto della vitalità

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

Torna su
TrevisoToday è in caricamento