Truffa dei box doccia, 185 anziani raggirati: arrestato un 57enne

L'uomo ha colpito anche nella Marca ed è stato incastrato dai carabinieri di Trento. In casa uno schedario delle vittime in cui li descriveva: "vedovo", "senza una gamba" o "disabile"

TREVISO Tre anni di truffe, a danno di persone deboli e anziane: un'attività che avrebbe fruttato la bella cifra di  mezzo milione di euro al truffatore, arrestato dopo un anno di indagini svolte dai Carabinieri di Canal San Bovo. Dopo i casi segnalati nel novembre 2015 i militari della stazione trentina hanno avviato le indagini che hanno portato alla luce un numero incredibile di truffe, perpetrate nel giro di tre anni, tutte riconducibili alla medesima persona: un 57enne veneziano, residente a Musile di Piave, arrestato mercoledì scorso ed ora in carcere.

Le vittime (provenienti da Trento, Belluno, Feltre, Treviso, Venezia e Vicenza, con capatine anche a Ferrara e Udine) che con la loro denuncia hanno fatto partire le indagini, ricevevano la telefonata di una ditta veneta che proponeva di installare dei box doccia covenienti alle esigenze di persone anziane. Il trufatore si presentava a casa dei "clienti" proponendosi di installare il prodotto in una giornata di lavoro a prezzi vantaggiosi. Il truffatore ometteva però di barrare le caselle del sanitario prescelto, intascando i soldi del montaggio senza poi eseguire i lavori.

Particolarmente meschina la modalità di scelta delle vittime attraverso l'elenco telefonico, ormai utilizzato quasi esclusivamente da persone sprovviste di telefono cellulare, quindi presumibilmente anziane. La scelta era ovviamente più che consapevole, ed è confermata anche dalle cartelle sulle quali il truffatore annotava gli incassi, accompagnati dalle diciture 'disabile', 'novantenne', 'senza una gamba', 'vedovo'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno "schedario" ritrovato dai carabinieri nell'abitazione dell'arrestato, decisivo elemento probatorio dei 185 casi di truffa, tutti accuratamente registrati. Dall'analisi del conto corrente i militari hanno potuto constatare come nelle tasche del truffatore arrivassero cifre attorno ai 20.000 euro mensili. Le indagini, coordinate inizialmente dalla Procura di Trento, poi passate a quella di Venezia, ed eseguite dai Carabinieri di Canal San Bovo, si sono concluse con l'ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

  • Assalti ai bancomat di Toscana e Liguria, sgominata banda di giostrai

Torna su
TrevisoToday è in caricamento