Sgominata la banda che derubava gli anziani soli: si fingevano assistenti sociali

Quattro arresti e tre denunce, tutte a carico di trevigiani accusati di furto aggravato. Hanno derubato almeno dieci ultraottantenni nelle province di Padova, Treviso, Vicenza e Venezia

I carabinieri di Legnaro in azione

Puntavano gli anziani soli, si spacciavano per assistenti sociali e li derubavano di tutti i loro averi. Sono almeno dieci i furti contestati alla banda sgominata dai militari della compagnia di Piove di Sacco. Tre donne e un uomo sono stati arrestati, altre tre complici individuate e denunciate grazie alla capillare indagine partita in seguito ad alcuni colpi consumati nel padovano. All'alba di sabato i carabinieri di Legnaro hanno notificato agli indiziati, tutti residenti nel trevigiano, le ordinanze di custodia cautelare firmate dal Gip del tribunale di Padova. É finita nel carcere della Giudecca la leader dell'organizzazione, la 28enne Smeralda Gurgevic già ai domiciliari nella sua abitazione di Treviso. Obbligo di dimora e di firma quotidiana alla polizia giudiziaria per i suoi tre sodali, le due donne L.A. (50 anni) e H.R. (53) di Treviso e Paese e il 22enne A.P. anch'egli residente nel capoluogo della Marca. Denunciate tre complici donne, F.P. (21 anni) e S.I. (39) di Treviso e L.G. (21) di Paese.

Sono tutti accusati di furto aggravato per dieci colpi commessi tra settembre e gennaio scorsi nelle province di Padova, Treviso, Vicenza e Venezia. Sempre identici il modus operandi e la tipologia di vittima, anziani soli che vivono in case isolate. Individuata la preda, due donne la contattavano spacciandosi per assistenti sociali o conoscenti di parenti stretti. Si presentavano a casa e una volta dentro, mentre una intratteneva l'anziana l'altra frugava nelle stanze rubando gioielli, contanti e oggetti di valore. Ad attenderle all'esterno era sempre il giovane uomo a bordo di un'auto con cui si allontanavano velocemente.

Si stima che nei dieci furti contestati abbiano intascato circa 25mila euro. I primi colpi sono andati in scena nel padovano: il 3 settembre a Veggiano hanno derubato una 81enne, poi una donna di 92 anni a Vigonza quattro giorni dopo e infine il 24 novembre un'altra anziana di 81 anni di Saonara, a cui hanno rubato anche un bancomat con cui sono riusciti a effettuare diversi prelievi. Poi un colpo nel veneziano a Ceggia il 14 dicembre ai danni di una 78enne e due nel vicentino, il 31 dicembre a Bassano in casa di una 85enne e il 2 gennaio a Campiglia dei Berici dove hanno derubato una 80enne. Due i furti nel trevigiano, il 3 gennaio a Vittorio Veneto a casa di una donna di 80 anni e l'11 ad Altivole da una 83enne. E ancora a Schio, con due colpi il 13 gennaio dove hanno depredato le case di due anziane di 84 e 88 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli inquirenti sospettano che la banda possa essere responsabile di altri casi analoghi e invitano eventuali vittime a contattare la compagnia dei carabinieri di Piove di Sacco (049.9707700) o la stazione di Legnaro (049.790793).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento